fbpx

Da oggi a Piacenza il Simposio degli agrofarmaci

Senza categoria

Da oggi, martedì 3 settembre, si apriranno i lavori della 16esima edizione del “Symposium on pesticide chemistry: advances in risk assessment and management” che si svolgerà all’Università cattolica di Piacenza fino al 5 settembre 2019.
 
Le sessioni di lavoro verteranno sui risultati delle ricerche di tutti i più importanti centri di ricerca privati e pubblici europei. Forte la presenza delle autorità europee e di BasfSyngenta e Corteva, sponsor dell’appuntamento internazionale che permettono all’Italia di confermarsi capitale europea di questa scienza.
 
Il professor Ettore Capri dell’Università cattolica del Sacro Cuore presenta il Simposio e ne spiega gli obiettivi: “Per quasi un secolo gli scienziati di tutto il nostro Pianeta hanno condotto studi di campo e di laboratorio, in vivo e attraverso simulazioni, al fine di comprendere il destino e il comportamento dei prodotti fitosanitari, volgarmente chiamati pesticidi ed un tempo antiparassitari. Siamo partiti con sostanze semplici, minerali e vegetali, ma molto tossiche come il rame e i derivati dell’arsenico. Poi abbiamo sviluppato vere e proprie armi come il Ddt e i suoi simili, siamo arrivati ad avere migliaia di sostanze chimiche biologiche e di sintesi che hanno permesso l’evoluzione dell’agricoltura e il raggiungimento di un benessere collettivo su scala mondiale e locale”.
 
“In un secolo però abbiamo imparato moltissimo – spiega Capri -, soprattutto che queste armi tecnologichevanno utilizzate con sapienza, con professionalità e regole. Grazie a questo binomio di conoscenza che è una base educativa per tutti, dal consumatore all’agricoltore, ha sviluppato le radici di una vera e propria scienza, oggi la più avanzata nel campo della sicurezza alimentare. E sebbene la sicurezza alimentare nel campo dei residui alimentari ed ambientale sia la più controllata è necessario un continuo miglioramento soprattutto negli usi e nella gestione dei prodotti fitosanitari da integrare nei programmi di sostenibilità delle aziende agricole e di interi territori”. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE