Attualità

Bari, celebrato il 202° Anniversario della Polizia Penitenziaria

 intervento del Comm. Capo dott. ssa Antonietta Mavellia

BARI – La cerimonia si è svolta nella Sala Consiliare del Comune di Bari alla presenza di un numerosa presenza di genitori, parenti, curiosi che hanno partecipato alla cerimonia per la celebrazioni della festa del Corpo della Polizia Penitenziaria.

All’ingresso del Comune un reparto della Polizia Penitenziaria per ricevere gli ospiti d’onore.

Sala Consiliare gremita di ospiti, tra l’altro, agenti di polizia penitenziaria e rappresentati delle altre forze armate e di polizia.

La cerimonia  celebrativa è iniziata con la lettura dei messaggi ufficiali del Presidente della Repubblica, del Ministro della Giustizia, del Capo del Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria, del saluto del Comandnate del Reparto di Polizia Penitenziaria dell’Istituto Fornelli di Bari, Antonietta Mavella che si riporta integralmente, intervento del Direttore dell’Istituto Penale per i Minorenni ‘Nicola Fornelli’ di Bari, Nicola Petruzzelli, del Comandante del Reparto di Polizia Penitenziaria della Casa Circondariale ‘Francesco Rucci’ di Bari, Francesca  De Musso e per ultimo l’intervento del Direttore della Casa Circondariale di Bari, Valeria Pire’.

Era presente anche il Dr. Giuseppe Centomani, Dirigente del Centro per la Giustizia Minorile per la Puglia e la Basilicata.

Sono seguiti gli interventi del Sindaco di Bari, Antonio Decaro, del Vice Sindaco , Di Sciascia, dell’Assessore al Welfar, Francesca Bottalico e subito dopo si è proceduto alla consegna dei riconoscimenti agli agenti in servizio e in quiescenza per atti di valore e di eroismo compiuto durante il loro servizio e anche fuori servizio.

Concordi gli interventi nel ribadire che «Quest’anno pagine esaltanti di silenziosa dedizione e professionalità – ha detto – hanno visto la polizia penitenziaria di Bari impegnata con consolidata esperienza operativa nell’attività istituzionale. Celebriamo oggi l’annuale del Corpo, coscienti dell’importante lavoro svolto al servizio della collettività e pronti a continuare ad offrire entusiasmo, professionalità ed efficienza, con sempre maggiore senso del dovere e grande umanità. La polizia penitenziaria è consapevole delle sue potenzialità e del compito istituzionale affidatogli che è più di ogni altro complesso, insidioso, rischioso, ricco di problemi e di asperità, anche se il più delle volte, purtroppo, non è riconosciuto». Il comandante ha poi voluto ricordare tutti i caduti della polizia «i quali non hanno esitato a sacrificare con silenzioso eroismo la loro vita, difendendo dagli attacchi della criminalità organizzata e dal terrorismo i più alti principi di giustizia».

Un Corpo che non vuole passare inosservato, un corpo che a nostro parere vuole e deve crescere con il giusto riconoscimento istituzionale e della comunicazione. Noi crediamo che il Ministro della Giustizia stia andando in questo senso.

Intervento della Dott.ssa Antonietta Mavella che riteniamo pieno di significato per un Corpo che vuole crescere ed essere visibile al mondo in quanto in possesso di tutte le capacità professionali richieste per essere considerati alla pari delle altre forze dell’ordine.

 ^^^

DISCORSO COMANDANTE DI REPARTO ISTITUTO PENALE PER MINORENNI

Illustri Autorità Civili, Militari, donne e uomini della Polizia Penitenziaria, Associazione Nazionale Polizia Penitenziaria,

E’ un onore rappresentare il reparto di Polizia Penitenziaria dell’Istituto Penale per Minorenni “Nicola Fornelli” e del Centro di Prima Accoglienza di Bari. Quest’ultimo ospita, fino all’udienza di convalida, i minorenni arrestati o fermati, e coloro che vengono condotti a norma dell’art. 18-bis comma 4 del D.P.R. 22 settembre 1988 n. 448.

Colgo l’occasione per esprime il mio personale elogio a tutti, alle colleghe e colleghi   appartenenti al Corpo in servizio presso l’Istituto Fornelli che con spirito di collaborazione, costante disponibilità e professionalità contribuiscono  ad elevare il prestigio del Corpo di Polizia Penitenziaria.

Questa giornata deve rappresentare un momento celebrativo in cui si fanno emergere i valori di appartenenza, si fanno i bilanci e si coglie l’occasione per tributare il dovuto riconoscimento per il lavoro svolto. Siamo chiamati a lavorare in emergenza ed in condizioni difficili ma nonostante tutto riusciamo a fronteggiare situazioni critiche con grande professionalità e spiccato senso del dovere.

Dal 1 agosto 2018 al 31 agosto 2019 si è avuta una movimentazione di 389 detenuti, di cui 171 in entrata e 218 in uscita, in particolare: 

Sono entrati:

  • 3 ragazze al C.P.A. femminile, 34 ragazzi al C.P.A. maschile e 134 presso l’I.P.M.

Sono usciti:

  • 3 ragazze al C.P.A femminile, 34 ragazzi al C.P.A  maschile e 181 presso l’I.P.M 

Straordinaria nonché lodevole è stata l’attività del personale di Polizia Penitenziaria, nella prevenzione degli eventi critici, come i tentativi di suicidio, nell’attività di polizia giudiziaria, come le indagini delegate dall’A.G., subdelegate dalle altre Forze di Polizia e di iniziativa, che in quest’ultimo caso ci ha portato al rinvenimento di telefoni cellulari e di sostanze tipo psicotropo, senza contare gli interrogatori espletati. Altra attività di notevole importanza è quella svolta nelle traduzioni, ovvero ne sono state assicurate ben 382 tra udienze, trasferimenti, visite specialistiche e Comunità, senza escludere l’attività di Polizia Stradale cui si è chiamati svolgere nel caso di violazioni al Codice della strada.

E’ solo grazie alla professionalità e allo spirito di collaborazione profuso da tutto il personale di Polizia Penitenziaria che è stato possibile risolvere le quotidiane incombenze.

E’ pertanto doveroso – da parte mia – rivolgere a TUTTI I COORDINATORI, ISPETTORI, SOVRINTENDENTI, ASSISTENTI e AGENTI del Reparto un orgoglioso ringraziamento, sottolineando che tali risultati mai si sarebbero potuti conseguire senza il loro apporto quotidiano che, grazie all’adeguata formazione e specializzazione conseguita nel rapporto con gli adolescenti, si traduce in integerrimo spirito di servizio.

Un particolare ringraziamento lo devo al Dirigente del Centro di Giustizia Minorile, dott. Giuseppe Centomani, che ha avuto la splendida iniziativa di organizzare la festa del Corpo di Polizia Penitenziaria in questa meravigliosa location. Grazie al Direttore dell’Istituto “N. Fornelli” di Bari, dott. Nicola Petruzzelli, che con la sua riconosciuta e stimata professionalità ci consente di raggiungere obiettivi inattesi!

Rivolgo un sincero saluto alle Organizzazione Sindacali per la fattiva e non strumentale attività posta in essere a tutela dei diritti e degli interessi del personale.

Un ringraziamento e un saluto particolare lo voglio porgere ai tutti i colleghi pensionati nonché all’associazione nazionale.

Rivolgo un commosso ricordo ai caduti del Corpo, nonché ai colleghi e dipendenti dell’Amministrazione che ci hanno lasciato prematuramente.

A tutti Voi, donne e uomini della Polizia Penitenziaria e alle vostre famiglie, ai colleghi che non possono partecipare in quanto impiegati in servizio, vanno i miei più sinceri ed affettuosi saluti, ringraziamenti ed un vivo augurio nell’odierna ricorrenza.

VIVA L’ITALIA

VIVA LA POLIZIA PENITENZIARIA.

Il Comandante di Reparto

                                                  Comm. Capo dott. ssa Antonietta Mavellia


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE