fbpx

Agente di polizia stermina la famiglia e si suicida nel Foggiano

Puglia

Dopo aver ucciso la moglie e le due figlie, l’uomo ha chiamato i carabinieri e si è sparato con la pistola d’ordinanza

Tragedia a Orta Nova, nel Foggiano. L’assistente capo della polizia penitenziaria Ciro Curcelli di 53 anni si è ucciso con un colpo di pistola di ordinanza alla testa dopo aver ammazzato la moglie Teresa di 54 anni e le figlie di 12 e 18. Le vittime erano ancora nel letto quando l’uomo le ha ammazzate, intorno alle due di notte, nell’appartamento dove viveva la famiglia in via Guerrieri. Poi ha chiamato i carabinieri annunciando la mattanza e uccidendosi. L’uomo non avrebbe lasciato alcun biglietto o lettera che possano far capire le motivazioni del gesto. 

“Non ho mai saputo di problemi nella sua famiglia. Non mi so spiegare cosa è accaduto”, racconta Marco, il fidanzato di Valentina, una delle due ragazze uccise dal padre a Orta Nova. “Ero fidanzato – ha proseguito Marco – con Valentina da un anno e sette mesi, ma non conoscevo bene i suoi genitori. Conoscevo, però, la sorella piu’ piccola”. 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE