fbpx

I ragionamenti debolissimi del cardinale Bassetti

Cultura & Società

“Il vero intento del discorso di Bassetti (insieme alle aree cattoliche della Destra) non è tanto filosofico quanto politico. Mira cioè ad evitare che si arrivi ad un pronunciamento della Corte Costituzionale sul suicidio assistito. Chiedendo al Parlamento (in extremis) di fare una legge entro il 24 settembre prossimo”. Così scrive Maria Novella De Luca su La Repubblica del 12 settembre.

Ma a parte la ristrettezza di tempo, come potrà il cardinale ottenere il suo scopo, considerata la debolezza estrema dei suoi ragionamenti? Leggiamo: “Affermiamo con forza che anche nel caso di una grave malattia, la richiesta di morire non deve essere accolta per il solo motivo che proviene dalla libertà del soggetto. Quella di darsi la morte non è una scelta di libertà. Non esiste un diritto a darsi la morte perché vivere è un dovere, anche per chi è malato e sofferente. La vita più che un nostro possesso è un dono che abbiamo ricevuto e dobbiamo condividere”. E’ un antico vizio degli uomini della Chiesa fare affermazioni prive d’ogni fondamento logico: poiché la vita è un dono, devo accettare il dono anche se mi fa schifo, anche se mi disgusta.

Gentile cardinale, ma se io le dono una torta che va a male, che diventa nauseante, maleodorante, con dentro qualche vermetto, lei che cosa fa, se la mangia, giacché è un mio dono? E magari la condivide? Ma che discorso è? “Non esiste un diritto a darsi la morte”, afferma con sicurezza. E dove sta scritto? Esiste un diritto alla libertà, sempre che questa non vada a ledere la libertà altrui. E il diritto alla libertà, comprende necessariamente anche il diritto di rifiutare la vita, così come, gentile cardinale, lei avrebbe il diritto di rifiutare il dono della mia torta rancida con i vermi. O no?

Renato Pierri


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE