fbpx

Il monito di Mattarella: «Contrastare le credenze antiscientifiche

Interviste & Opinioni

La società dell’informazione veloce ci spinge avanti ma la rapida circolazione di informazioni paradossalmente può generare anche sacche di disinformazione o addirittura la diffusione di credenze antiscientifiche, di paure irrazionali che vanno contrastate perché possono aprire pericolose falle in questo sforzo collettivo”: lo ha detto il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, nella giornata dell’Associazione Italiana per la Ricerca sul Cancro (Airc)

Non si può non condividere , la chiara posizione espressa dal Presidente della Repubblica Sergio Mattarella contro la disinformazione e contro le credenze antiscientifiche, che tanti danni procurano alla società e in particolare alla salute pubblica oltre che alle stesse casse pubbliche …oltre che private.

Nel merito di questa meritoria battaglia per la scienza contro la disinformazione e i falsi scientifici organizzati. “scientificamente”, é doverosa una lotta senza quartiere, in particolare quando queste attività di corruzione avvengono ai vertici delle istituzioni deputate alla gestione e alla difesa della salute pubblica, per vili interessi di arricchimento facili a danno bel bene primo: la salute.

E’ il caso della CUPOLA VACCINI  la cui inchiesta pende presso la Procura di Roma, coi il vecchio capo del dipartimento veterinario promosso della ministro Lorenzin a Segretario generale del Ministero, dr Marabissi che si è saggiamente autosospeso per evitare reiterazioni e conseguenti misure cautelari, come avvenuto per gli atlantici di autostrade per si sa chi. Non per l’Italia in ogni caso.

Sulla falsificazione della scienza indubbiamente l’AWARD spetta senza ombra di dubbio ex equo al duo Lorenzin Guerra che nella campagna per la obbligatorietà dei nuovi 8 vaccini  dopo il 4 di De Lorenzo & Poggiolini hanno sparato in prima serata a porta e porta e a piazza pulita, la notizia drammatica dei 270 morti per morbillo a Londra nel 2013 che fortunatamente nel 2014 sono scesi a 200 . Ancora più fortunatamente secondo il ministero inglese della salute comunque, in questi due anni c’era stato solo un morto per sospetto morbillo.

Pendono su varie procure esposti e denunce di cittadini che chiedono lumi e giustizia su questa vicenda e siamo fiduciosi che la Giustizia colpirà se lo rileva, falsi ideologici e scientifici asserviti a interessi e conflitti di interesse praticati con leggerezze e sensi di impunità imbarazzanti .

Sugli allarmismi lamentati circa gli effetti avversi dei vaccini offerti ai bambini in così generosa quantità esavalente  e tetravalente nelle più recenti formulazioni,   invece di uno per volta dopo controlli dello stato immunitario del vaccinando, dal prof. Martynyuk vice rettore con delega alla ricerca dell’Università nazionale di Kiev, mi giunge una richiesta di parere su un recente lavoro  israeliano sull’autismo.

Il vice rettore mi scrive commentando questo articolo. https://www.eurekalert.org/pub_releases/2019-10/bidm-sfe101719.php

“la vaccinazione (immunizzazione) può causare lo sviluppo di processi autoimmuni.  questo è un fatto ben noto.  Da lì, possiamo tranquillamente presumere che la vaccinazione dei bambini sia una procedura rischiosa.

Cosa ne pensi?”

La mia modesta risposta è stata:

È una vecchia tesi sostenuta  da molti medici tra cui Montagnier ..

Il timore che il disastro prodotto dalla CUPOLA VACCINI IN AMBITO VETERINARIO , POSSA ALLARGARSI ANCHE ALLA SPECIE PIÙ ALTA DELLA SCALA ZOOLOGICA, va considerato e indagato non solo per  vicende di  violazioni dei codici  civili e penali , ma per i disastri sulla salute umana che rischiano di mettere in ombra i disastri prodotti dall’affaire Padmore .l.

Un rilancio della ricerca fondamentale e applicata indipendente, finanziata dalla collettività, e non dai grandi gruppi di interesse che ne condizionano inevitabilmente i risultati come la cronaca ci informa, é essenziale per ritornare al primato della salute pubblica e della scienza pura come vorremmo tutti fosse.

Un tema trasversale su cui ragionare e agire nell’interesse costituzionale della verità e della salute umana.

Vincenzo Valenzi


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE