fbpx

Brexit: Johnson propone elezioni anticipate il 12 dicembre

Estero

 

Lo ha detto lui stesso alla Bbc dopo una riunione del Consiglio di gabinetto: Boris Johnson intende proporre al Parlamento la convocazione di elezioni anticipate nel Regno Unito per il 12 dicembre prossimo. Il premier conservatore ha aggiunto di essere pronto a dare piu’ tempo alle Camere per discutere sulla ratifica dell’accordo da lui raggiunto con Bruxelles sulla Brexit – il cui iter sprint e’ stato respinto da Westminster – a patto che i parlamentari accettino di dire si’ alle elezioni prima di Natale. 

“Ho scritto a Jeremy Corbyn: questo Parlamento deve realizzare la Brexit ora o la realizzerà un nuovo Parlamento, così che il Paese possa andare avanti”. Lo scrive in un tweet il premier britannico Boris Johnson, allegando il testo della lettera inviata al leader laburista. In un’intervista alla Bbc, Johnson oggi ha annunciato l’intenzione di chiedere alla Camera dei Comuni di approvare una mozione per lo scioglimento anticipato della legislatura e elezioni anticipate il 12 dicembre. La mozione verrà presentata ai Comuni lunedì. 

I deputati britannici hanno approvato oggi il programma del governo Boris Johnson, portando una vittoria inaspettata per il Primo Ministro conservatore al Parlamento una settimana dalla data prevista per la scadenza Brexit. Vincendo con 310 voti contro 294, questo voto si è tenuto sul discorso programmatico letto dalla regina Elisabetta II il 14 ottobre, che illustrava in dettaglio le linee guida della politica del governo di Boris Johnson. In precedenza, il premier, aveva annunciato la sua proposta di tenere elezioni anticipate il 12 dicembre, ma l’organizzazione del voto richiede l’approvazione dell’opposizione.

Il Parlamento ha votato per rinviare la Brexit e “questo ritardo potrebbe andare avanti per molto tempo”, ha sostenuto Johnson. Da qui, la decisione di presentare in aula una mozione per indire elezioni anticipate poco prima di Natale, in modo che i deputati possano avere piu’ tempo per analizzare il pacchetto di leggi attuative sull’uscita dall’Ue, il Withdrawal Agreement Bill. Se Westminster vuole “veramente piu’ tempo per studiare” il nuovo accordo di divorzio raggiunto con l’Ue, “possono averlo ma devono acconsentire a elezioni generali il 12 dicembre”. Perche’ venga approvata, la richiesta di elezioni anticipate deve ottenere il sostegno di due terzi dei deputati, una condizione che finora e’ venuta a mancare entrambe le volte che la mozione e’ stata presentata negli ultimi due mesi. La dirigenza laburista ha gia’ fatto sapere che il partito non la sosterra’ prima che l’Ue garantisca un’estensione alla Brexit


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE