fbpx

Eritrea: la pace con l’Etiopia, il governo di Asmara, l’azione degli Eritrei in diaspora

Estero

Sono i temi dell’incontro a Torino Valdocco sabato 2 novembre 

Un gruppo di Eritrei fuggiti dal loro Paese negli scorsi anni – accomunati dall’aver frequentato in patria le scuole salesiane e dal risiedere oggi in Europa – si ritroverà la prossima fine settimana a Torino e al Colle Don Bosco per un raduno guidato da Abba Petros Abraha, collegato a Missioni Don Bosco per i progetti di sviluppo innestati sulla formazione scolastica e professionale di cui i salesiani sono leader nei due Paesi del Corno d’Africa. v. https://www.youtube.com/watch?v=OU0xX9OdQTQ

Con ljui abba Alasar Kidane, già direttore della scuola professione di Dekamare.

Le difficoltà a trasformare la decisione politico-militare della pace in una realtà fatta di sicurezza dei  rapporti fra i due Paesi e dell’avvio di piani di sviluppo economico-sociale, il dramma della migrazione dei giovani che attraversano il deserto del Sudan, la Libia e il Mediterraneo per giungere in Italia, la assoluta stasi istituzionale ad Asmara per la natura di uno Stato rinato con la liberazione ma non maturato in regime democratico pongono sul tavolo molti interrogativi che gli Eritrei in diaspora stanno affrontando, per ora sotto traccia.

Questo ritrovo nei luoghi di origine dell’attività dei Figli di Don Bosco costituisce per gli ex allievi salesiani eritrei un momento a favore dell’azione di sostegno al loro popolo, e un segnale nei confronti dell’opinione pubblica europea, degli operatori delle istituzioni e degli organismi di solidarietà internazionale.

Abba Abraha e alcuni degli ex allievi potranno incontrare i giornalisti per un aggiornamento sulla situazione del Paese e sulle iniziative di pacificazione che si intendono sviluppare.

Vi invitiamo, se siete interessati, a darcene segnalazione in modo che sia possibile riservare un tempo adeguato a questo incontro.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE