fbpx

Beppe Grillo è stato per due ore e mezza all’ambasciata cinese

Politica estera

È durata due ore e mezza la visita all’ambasciata cinese a Roma di Beppe Grillo, garante del Movimento 5 Stelle, nella capitale da ieri e alle prese con i mal di pancia dei suoi. Stamattina due ore di chiarimento con il capo pentastellato Luigi Di Maio. Poi, a meta’ pomeriggio, la decisione di salire su un taxi e di recarsi all’ambasciata cinese, dopo la cena di ieri con l’ambasciatore di Pechino a Roma, Li Junhua, cena dalla quale però non è trapelato nulla.

Il Movimento ha buoni rapporti con Pechino e il ministro degli Esteri Luigi Di Maio ne ha sempre sostenuto l’importanza. Due giorni fa, l’ambasciatore cinese a Roma ha espresso sul sito dell’Agi soddisfazione per la presenza di Di Maio alla China International Import Expo – che si è svolta a Shanghai dal 5 al 10 novembre – alla quale l’Italia ha partecipato come Paese ospite d’onore ricevendo “grandi attenzioni”. Il capo politico di M5S, ha ricordato l’ambasciatore, “è intervenuto alla cerimonia di apertura ed è stato l’unico ministro degli Esteri tra gli oratori presenti, mostrando pienamente l’importanza che il governo cinese attribuisce all’Italia”.

“Il ministro Di Maio – ha scritto ancora Li – durante il suo intervento alla Expo, ha sottolineato che la Fiera crea nuove opportunità per le imprese italiane e ha aggiunto che il governo italiano sostiene con forza il rafforzamento della cooperazione tra aziende italiane e cinesi e il consolidamento e ampliamento della posizione delle aziende italiane sul mercato cinese”. Per l’ambasciatore, “la Cina è lieta di vedere un’espansione della presenza italiana sul suo mercato e un aumento delle esportazioni di prodotti di eccellenza verso la Cina”.

Il feeling con Pechino si è consolidato nell’ultimo anno, già all’epoca del governo giallo-verde, con 19 accordi istituzionali firmati lo scorso 23 marzo a Villa Madama in diversi settori, dal fisco alla salute, dall’innovazione alla cultura, fino all’agroalimentare, nell’ambito della cosiddetta Nuova Via della Seta promossa dalla Cina.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE