fbpx

Verificheremo tutte le pubblicità politiche. Parola di Snapchat

Estero

Verso Usa 2020

Verificheremo tutte le pubblicità politiche. Parola di Snapchat

Il social del fantasmino avrà un team dedicato al fact-cheking sulla pubblicità politica operativo sulla piattaforma. Ne ha parlato il CEO Evan Spiegel

Alessio Nisi 

Snapchat, anzi Snap che di Snapchat è la società madre, verificherà una ad una tutte le pubblicità politiche. Soprattutto in vista della presidenziali Usa del prossimo anno. É questa la posizione del social del fantasmino. A definirla il CEO Evan Spiegel, che di fatto piazza la società a metà strada tra Facebook, che ha scelto di lasciare spazio agli annunci, e Twitter, che ha deciso la rimozione totale degli annunci politici.

foto Evan Spiegel, fondatore e CEO Snap

Non permetteremo alla disinformazione di insinuarsi

“Sottoponiamo tutte le pubblicità, comprese quelle politiche, a una revisione – ha spiegato Spiegel nel corso di un’intervista a CNBC – quello che stiamo cercando di fare è creare uno spazio sulla nostra piattaforma per la pubblicità politica. Visto che siamo in grado di raggiungere molti giovani elettori, alcuni al primo voto, vogliamo che siano in grado di prendere parte alla conversazione politica. Ma senza permettere alla disinformazione di insinuarsi”.LEGGI ANCHE: Jack Dorsey: Twitter vieterà la pubblicità politica (tutta) sulla piattaforma

Come per la tv via cavo

Una cosa simile, ha ricordato sempre Spiegel, succede con le tv via cavo. Secondo le regole della Federal Communications Commission, mentre i broadcaster non possono censurare le pubblicità politiche per problemi di accuratezza, le tv via cavo non sono vincolate dalle stesse politiche federali.LEGGI ANCHE: Anche Google potrebbe cambiare i suoi piani sulla pubblicità politica

I numeri della pubblicità su Snapchat

Il business della pubblicità di Snapchat è più piccolo di quello di Facebook e Google, ma il business della condivisione di foto ha registrato una crescita del 50% della pubblicità nel terzo trimestre di quest’anno (per un ammontare di 446 milioni di dollari).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE