fbpx

Mes, non si cambia. Conte, nessun rischio

Economia e Finanza

Nessun motivo per cambiare il testo della riforma del meccanismo salvastati, afferma il presidente dell’Eurogruppo Mario Centeno, annunciando che la firma del nuovo Trattato, avverra’ “ad inizio del prossimo anno”. Il premier Giuseppe Conte, alle prese con la battaglia aperta nella maggioranza, afferma di non vedere rischi: “quando sara’ firmato decideranno i responsabili politici dei singoli Paesi”. Ma il leader leghista Salvini lo attacca: ‘il pacchetto aperto sul Mes e’ l’ennesima bugia di Conte’. La manovra: arriva l’emendamento del governo, da auto a plastic tax. Aumenta del 3% l’Ires sul reddito complessivo netto dei concessionari. 

“Quando sarà firmato lo decidono i responsabili politici dei singoli paesi, ci sono procedure, tempi e modi che definiremo insieme: mi sono aggiornato con Gualtieri che era a Bruxelles per l’Eurogruppo, ci sarà l’Eurosummit prossimamente, ci sarà un passaggio parlamentare dove ci confronteremo con i risultati che porterà Gualtieri dall’Eurogruppo”. Lo ha detto il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, in conferenza stampa a Londra dopo il vertice Nato, parlando del Mes. “Procederemo – ha proseguito – con interlocuzione trasparente e lineare con il Parlamento, con tutte le forze di maggioranza e di opposizione e con tutti i cittadini. Dopodiché decideremo tempi e modi per procedere con i passaggi finali del Mes sul quale si è lavorato, è un progetto più maturo. Ma c’è una logica di pacchetto, c’è stato un passaggio nel giugno 2018 che ha dato una precisa nota di indirizzo su una logica di pacchetto al quale l’Italia resta vincolata”. 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE