fbpx

Omicidio Bazzano, il custode della villa indagato

Cronaca

Written by:  Monica Montanaro

E’ attualmente posto sotto indagine il custode della villa di Bazzano dopo che l’uomo, 68 anni, ha sparato cinque colpi di arma da fuoco contro un ignoto da lui ritenuto un presunto ladro. Il custode attorno alle 5 di mattina, dopo aver sentito alcuni rumori provenienti nei pressi del portone, ha utilizzato la sua pistola, una calibro 38 regolarmente detenuta,  per colpire il ladro che si aggirava, a suo parere, furtivamente per la villa. Sempre in mattinata il 68enne, uscendo dalla sua casa,  ha scorto il corpo deceduto di un giovane uomo, presumibilmente di eta compresa tra i 20 e i 25 anni, che risulta ancora anonimo, non essendo stato tuttora identificato. 

La Procura che si occupa del caso della villa di Bazzano, deve ancora appurare su quali basi giuridiche fondare la basi dell’accusa e contestare il reato all’uomo. Intanto il custode 68enne è stato sottoposto all’interrogatorio da parte della pm Manuela Cavallo. Ma il tentativo investigativo del giudice non ha portato a riscontri positivi poiché dopo circa 2 ore e mezza d interrogatorio non è emerso alcun elemento utile all’avanzamento delle indagini.

“Volevo solo spaventare i ladri e farli fuggire, non ho mirato a nessuno”  ha dichiarato il custode dinanzi al pm Cavallo. Soltanto le perizia effettuata dalla scientifica potrà stabilire con più attendibilità la dinamica dell’evento criminoso. Lo stesso dicasi perle indagini di rito che i carabinieri stanno espletando con zelo sul luogo del delitto per ricercare i cinque proiettili sparati dal custode.  

La Procura ha emesso un comunicato stampa in cui ha affermato che sta “procedendo con gli accertamenti tecnici con l’ausilio della Scientifica dei carabinieri per verificare le modalità di esplosione del colpo”, e poter stabilire la fattispecie di reato, se si è trattato di un caso invocante la legittima difesa o di eccesso colposo.

 
 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE