fbpx

Conferenza di Madrid tra clima e salute

Ambiente & Territorio

Un contributo dal piccolo borgo di poli  al Cop25 di Madrid per un felice rapporto tra clima e salute

Chiusura ritardata con coda a Madrid, del COP25, alla ricerca di un accordo internazionale per nuove politiche di salvaguardia del Clima  nel quadro di uno Sviluppo Sostenibile per i Paesi Industrializzati e  di un nuovo sviluppo, istruito  sugli errori dei Paesi a vecchia industrializzazione, per i Paesi emergenti che non vogliono soltanto pagare il conto dei primi con i nuovi certificati verdi https://www.repubblica.it/ambiente/2019/12/13/news/conferenza_sul_clima_a_madrid_si_tratta_a_oltranza-243422725/
Il problema riguarda da vicino l’Italia alle prese con la chiusura del Altoforno 2 dell’ILVA di Taranto per ordine del Giudice, con Roma alle prese con discariche e termovalorizzatori  che tutti vorrebbero nel giardino altrui, e mille altre situazioni che vedono lo smantellamento del sistema industriale che fu ricordiamo per tutti,  la quarta potenza economica mondiale negli anni Ottanta.
COP 25 alla prese  con un riscaldamento del clima terrestre e con manifestazioni teatrali (ma purtroppo neanche troppo) come l’acqua alta di Venezia, che si vorrebbero imputare alle scelleratezze  mercantili umane, troppo accecate dal profitto e debolmente  governate da Autorità Pubbliche ripiegate troppo spesso sulle pressioni delle lobby grandi e piccole, che non sono facili da contenere né dai vecchi né dai nuovi governanti, in Italia e altrove.
Situazione che ha sollecitato la gioventù a tentare di riprendere in mano  come cittadini sovrani, il destino delle nostre società dopo una lunga assenza, come autocriticamente rilevano le leadership emergenti delle Sardine italiche, che oggi hanno dato una imponente prova di partecipazione a San Giovanni, dopo che i giovani a Madrid hanno segnato con la giovane  Greta,  le giornate del COP 25. La Stella Polare di tutti oltre alla difesa delle quote di mercato (ILVA tenterebbe di Docet ma parrebbe non riuscirci), la scienza e i gridi di allarme degli scienziati del clima in particolare.
Secondo una parte della Comunità scientifica le colpe del disastro in corso sarebbero umane (la CO2, l’Inquinamento Atmosferico, ecc.ecc). Certamente per Venezia si é trattato più che altro di un evento ciclico legato alla gravità Lunare, come accadde già nell’Ottocento e negli  anni 50.
Per quanto riguarda i cambiamenti climatici un ruolo umano c’è, ma sarà utile ricordare che siamo una parte infinitesimale dell’Universo e che gran parte delle dinamiche climatiche derivano dall’attività solare e dal Cosmic Weather, che è stato i primi di ottobre al centro della settimana di scienza in Crimea alla Conferenza COSMOS AND BIOSPHERE http://biospace.cfuv.ru  UNA PROPOSTA DELL’ASTROFISICO DELLA CRIMEA BORIS VLADIMIRSKY DI FARE UN BOLLETTINO BIOMETEROLOGICO E COSMOLOGICO PER MONITORARE GLI EFFETTI SULLA SALUTE E SUL CLIMA A TERRA DEL CLIMA COSMICO  è stata rilanciata nel corso del convengo di Poli del 30 novembre sui DAI CLIMI URBANI INQUINATI AI CLIMI TERAPEUTICI  DEI PICCOLI BORGHI. Tra le altre proposte emerse è un progetto di ricerca per valorizzare il potenziale terapeutico dei piccoli borghi che hanno una grande storia  che condividono con tutta la rete di STAZIONI CLIMATICHE TERAPEUTICHE DI CUI E’ PIENA L’ITALIA E L’INTERA EUROPA (IN PRIMIS BRIANCON A 12 KM SUL CONFINE ITALIANO DOPO CLAVIERE (più “famoso per i rientri  dei migrantI che entravano in Francia dal passo del Monginevro ).
Alleggerire le grandi città superaffollate e superinquinate e delocalizzare DECINE E CENTINAIA DI migliaia di bambini allergici e di adulti con asma severo, Multisensibilità chimiche, e altre malattie da inquinamento urbano,  in località di grande pregio climatoterapeutico opportunamente ristudiate,  secondo il programma di ricerca emergente dal convegno di Poli, per  creare le basi per un programma comune di ricerca di ampio respiro che dia risposte globali alla valorizzazione dei Climi rurali collinari e montani oltre che  marini, che  potrebbero favorire il rilancio delle aree interne oggi abbandonate  con i borghi che vanno diventando sempre di più  villaggi fantasma, mentre nelle città per pagare un affitto non basta lo stipendio precario di troppi giovani che non possono neanche mettere su famiglia. Misure già realizzate con successo su impulso di Hassan Razzouk a Briancon che potrebbero essere replicate in centinaia di località montane e rurali di pregio climatoterapeutico come Poli  https://www.vglobale.it/2019/11/27/clima-e-salute-le-rinnovate-frontiere-delleconomia/ .
Mentre si pensa a ridurre le emissioni (cosa non facile  come si apprende da Madrid), con un colossale progetto di riconversione del sistema industriale ed energetico globale, da fare con giudizio, senza buttare via   il bambino con l’acqua sporca, si potrebbero considerare  misure di protezione dei malati e dei predisposti che si potrebbero dislocare nelle aree montane e rurali rilanciandole e ricreando un sistema di protezione del territorio  anche contro i troppi incendi che stano facendo danni incalcolabili dall’Amazzonia alla California, dalla Siberia alla Liguria . Tra passare la vita in ospedale con la bombola del l’ossigeno al seguito e trasferirsi a Briancon molti hanno già scelto la seconda via, come i bambini che si sono trasferiti nelle scuole  d’infanzia e al Liceo climatico della cittadina francese alpina. Si può fare di più.
Vincenzo Valenzi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE