fbpx

Tullio Garbari Primitivismo e modernità

Piaceri culturali di Enzo Varricchio

Palazzo delle Albere, Trento
21 dicembre 2019 / 23 febbraio 2020

Il Mart presenta a Palazzo delle Albere una selezione di opere di Tullio Garbari provenienti dalle raccolte provinciali e conservate nelle Collezioni museali.

Interprete di valori profondamente radicati nel territorio trentino, Garbari (Pergine Valsugana, 1892 – Parigi, 1931) è stato un artista e poeta che si è confrontato, ancora giovanissimo, con i protagonisti dell’avanguardia italiana. Appena diciottenne comincia a esporre a Venezia a Ca’ Pesaro, partecipando al clima di rinnovamento al quale contribuiscono Arturo Martini, Umberto Moggioli e Gino Rossi. Le forme semplici, quasi naïf, della sua pittura sono espressione di un “primitivismo colto”, nutrito dallo studio del passato e inserito nel dibattito culturale del Novecento: una cultura che Garbari interpreta alla luce della sua personale ricerca spirituale.
Per l’occasione il Mart ritrova alcuni spazi che, alle sue origini, hanno ospitato le Collezioni e le mostre del museo. Questa storia espositiva è protagonista di una serie di video inseriti nel percorso, realizzati con i materiali documentari provenienti dall’Archivio fotografico e mediateca.

Inaugurazione sabato 21 dicembre ore 11.30

PH: Tullio Garbari, “La sibilla cumana” (dettaglio), 1930, Mart, Provincia autonoma di Trento – Soprintendenza per i beni culturali


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE