fbpx

Ancora oggi Babbo Natale e Befana sono ingiusti

Senza categoria

Quando ero piccolo io, Babbo Natale non esisteva, e neppure il suo antenato san Nicola esisteva, perlomeno a Carrara, dove vivevo. C’era la Befana. Pensava lei a portare i doni la notte dell’Epifania. Ma quando ero piccolo io c’era la guerra, ed eravamo una famiglia numerosa. I doni furono sempre poveri e scarsi, anche finita la guerra, giacché le ristrettezze in casa continuarono per un pezzo. La gioia, però, e l’emozione erano grandissime. Non si riusciva a dormire quella sera, poi alla fine il sonno vinceva e la mamma entrava in azione. Al mattino, appena svegli, si allungava la mano e si trovava il pacchetto. Niente calza, era un pacchetto. Una manciata di caramelle, qualche biscotto, qualche cioccolatino e i soliti giocattoli: una pistola di latta col rotolino di carta picchiettato di gocce di povere da sparo, una trombetta, una trottola di latta colorata che girava girava ed emetteva un rumore che era quasi una musica, una macchinina con la carica a molla…  Poi si tornava a scuola e si restava male apprendendo che a qualche compagno la Befana aveva portato la bicicletta, i pattini, il trenino o altri giocattoli costosi.

Una Befana ingiusta, com’è ingiusto ancora oggi Babbo Natale che non porta a tutti i bambini i giocattoli che sognano, e a tanti bambini non porta niente, né giocattoli né caramelle. A molti non porta neppure pane e acqua.

Renato Pierri


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE