fbpx

Una lezione di Fantozzi

Senza categoria

Ancora sulla tolleranza zero ad ore.  Fortissimi con i deboli e debolucci con i potenti…

https://www.facebook.com/106051964128665/posts/147033213363873/

Le cronache di fine anno, tra un panettone e un cenone, ci portano notizie varie e consentitemi di scrivere molto avariate. Aumentano pesantemente gli arresti per omicidi stradali (ultimo quello del giovane Pietro Genovese, di ritorno dalla movida romana, penultimo quello dell’altra ventenne che alle otto, di corsa per andare al lavoro, ha travolto sulle strisce una bambina in carrozzina e la madre… ed è scappata..sperando di sfuggire alla maglie della giustizia stradale.. )  e gli incidenti casalinghi, tra i quali quelli più tristi appartengono alla  “Baby shake syndrome“,

La sindrome è quasi sempre la conseguenza di una grave forma di maltrattamento fisico prevalentemente intra-familiare ai danni di bambini generalmente al di sotto dei 2 anni di vita: il bambino viene scosso violentemente in seguito al suo pianto inconsolabile. https://www.repubblica.it/cronaca/2019/12/24/news/padova_scuote_figlio_per_farlo_addormentare_si_valuta_morte_cerebrale-244287574/?refresh_ce .

Battute di Salvini a parte sulla tolleranza zero e sulla droga, associata all’incidente del giovane Genovese (poteva aspettare gli esiti delle indagini tossicologiche almeno..prima di sparare contro il drogato che non c’è, solo molto alticcio….sono state messe in luce altre costruzioni azzerabili come nel caso montato male,  della lotta contro i brutti ceffi extracomunitari, che stavano distruggendo a bastonate una macchina della polizia,  con cui gli strateghi del candidato Premier, si sono fatti campagna con un video di un film,  per molti anni, senza vergogna e di cui qualcuno dovrebbe rispondere per falso e altri violazioni rintracciabili nel CP  https://www.facebook.com/106051964128665/posts/147033213363873/  

Ma balle filmiche  a parte, che sulla bocca di un già Ministro dell’Interno candidato Premier, non stanno granché bene (un minimo di fair play non guasterebbe neanche al non più giovane alfiere leghista), resiste un grande problema di TOLLERANZA ZERO, verso  il cittadino bersagliato per qualsiasi incidente del destino (specialmente quando ha sbagliato luogo di nascita), mentre per i cosiddetti VIP, anche i più TOLLERANTI ZERO, dal buon Gasparri al Capitano, c’è l’attenuante della quotazione in borsa, degli investitori stranieri che fuggono, anche se per tenerli stretti gli dobbiamo dare extraprofitti miliardari per cui manutenzione addomesticata con i report sulla sicurezza, piazzole di sosta abbandonate e da esibizionismo naturale, Ministri licenziati e governi abbattuti e in via di abbattimento come per il Conte 1 e il Conte 2 https://m.facebook.com/story.php?story_fbid=3106891702658527&id=100000131826854    , sono legittimi e da difendere, anche   quando qualcuno osa chiedere Giustizia anche per  questi poveri miliardari molto efficienti,  rei di  violare, derubare  e di fatto uccidere gli italiani sul Morandi e non solo,  come ci ha raccontato la Gabanelli nel 2004  e la Corte dei Conti in questi giorni  https://www.huffingtonpost.it/entry/la-corte-dei-conti-smonta-la-minaccia-di-autostrade-23-miliardi-di-penale-nessuna-base-legale_it_5e022348e4b0b2520d107fb4

  Le furbizia italiane sono note, purtroppo a tutti i livelli, dai furbetti del cartellini che persistono, ai furbetti dei quartierini altri che imperversano, dai consip, ai padmore, dagli autovelox in scomodato d’uso, al caporalato cooperativo, dai fring e benefits parlamentari patetici, alle pensioni d’oro incostituzionali (ma no.. è tutto legale….  Costituzionale…..). Maggiore rigore  e coerenza non guasterebbe a tutti… E’ questo uno dei banchi di prova del Governo Giallo rosso vivo (?!?),oltre le piazzate varie e le tolleranze zero che sono una cosa seria… su crimini veri  e da applicare non solo agli altri..ma quando capita anche a se stessi e ai propri sodali….

ancora sulla tolleranza zero ad ore

Vincenzo Valenzi               

  https://www.facebook.com/vincenzo.valenzi                                                                                      


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE