fbpx

Franz Von Lobistein racconta la nobiltà del Casato Gaudinieri 

Cultura & Società


Con  “Cinque fratelli” di Micol e Pierfranco Bruni in una nuova
ed elegante edizione

di Stefania Manueli

Franz Von Lobstein, figlio del Barone Erwin von Lobstein e da Virginia dei Baroni Coppola Picazio documenta, attraverso i suoi Studi Calabresi, la nobiltà dei Gaudinieri, i quali erano iscritti al Sedile di Bisignano.

Franz Von Lobstein era nato a Napoli il 25 giugno del 1921 si era laureato in giurisprudenza e in lettere e filosofia. Scrisse sulla araldica del Regno di Napoli e pubblicò testi  sulla storia del reame di Napoli, svolgendo lezioni sul monachesimo aristocratico nella Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università Statale degli Studi di Cassino.

Fu Cavaliere di Gran Croce dell’Ordine Piano, Cavaliere di Gran Croce dell’Ordine al Merito Melitense, Cavaliere dell’I.R. Ordine di San Gennaro, Balì Gran Croce di Giustizia del S.M. Ordine Costantiniano di San Giorgio, Cavaliere di Gran Croce dell’Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro, Cavaliere di Giustizia dell’Ordine di S. Stefano di Toscana, Cavaliere di Gran Croce dell’Ordine di S. Anna. Muore il  12 giugno 2012. Scritti importanti restano “Settecento Calabrese” e “Nobiltà e città calabresi infeudate”.

I Gaudinieri – Bruni furono tra Gattopardi, tra i Buddenbrook in un’epoca che portava la decadenza nel destini. I Gaudinieri prima, e poi i Gaudinieri – Bruni segnarono un solco profondo nella storia della Calabria. Il mondo cattolico e l’aristocrazia nel Regno di Napoli costituiscono, ancora oggi guardando alla storia, una chiave di lettura necessaria per comprendere il passaggio dal mondo borbonico a quello sabaudo. Una delle famiglie che si è trovata a vivere tra due epoche incarnandole profondamente è la famiglia Gaudinieri – Bruni. Al mondo cattolico e alla aristocrazia nobiliare si aggiunge la proprietà terriera.

Sia i Gaudinieri che i Bruni sono ceppi portatori di un’epoca che ha mantenuto i suoi connotati, ma li ha completamente attraversati. I Gaudinieri fanno sempre riferimento alla loro nobiltà stemmata.

I Bruni oltre ad essere stati proprietari terrieri sono stati gli iniziatori di un commercio innovativo che si è protratto negli anni del Fascismo sino a tutto il Novecento. Inoltre tra le due famiglie c’è un legame orientale, ovvero i Gaudinieri si imparentano inizialmente con i Guaglianone di Spezzano Albanese (che esercitano una sicura influenza nel clero con tre sacerdoti) e la nobildonna Giulia Gaudinieri (devotissimi i Gaudinieri all’Ordine dei Minimi) si sposa con Ermete Francesco Bruni di San Lorenzo del Vallo (che trasforma il commercio in economia avanzata sia attraverso la liquirizia sia con l’idea della merceria comparata).

Entrambe le comunità hanno radici albanesi. Tutto ciò è raccontato ora nel saggio – romanzo dal titolo “Cinque fratelli. I Bruni Gaudinieri nel vissuto di una nobiltà”, ora in una nuova veste tipografica (Pellegrini editore), scritto da Micol e Pierfranco Bruni.

Un libro che ripercorre non solo lo stile e l’eleganze di una Calabria nobile, ma si inserisce in quel filone letterario che pone la famiglia come punto di riferimento nei passaggi epocali tra Ottocento e Novecento. Anche per questo è stato definito un testo che riapre il tema delle eredità spirituali e della visione religiosa delle comunità che hanno assorbito la storia e il destino nell’incavo di due secoli.

Soltanto “Il Gattopardo” di Giuseppe Tomasi di Lampedusa si accosta felicemente a questo romanzo – saggio “Cinque fratelli”, così è stato definito recentemente in una conversazione sul ruolo delle nobiltà e delle realtà commerciali in Calabria e nel Regno di Napoli.

Il punto centrale resta il nucleo Gaudinieri, al quale autorevolmente appartiene il colonnello Agostino, militare di lunga carriera nell’esercito che come sottotenente e tenente partecipa, più volte decorato, alla Grande Guerra e capeggia i commilitoni di Bosco Cappuccio tra i quali vi era Giuseppe Ungaretti.

Il nucleo Bruni è molto più sfaccettato ma si caratterizza con Bruni Ermete Francesco (Alfredo) che riveste ruoli importanti nel ventennio fascista e con i cinque figli si caratterizza tra le economie commerciali e le professioni.

Infatti Adolfo e Virgilio Italo mantengono il commercio e le proprietà e Mariano (grande matematico e intellettuale), Luigi (docente e segretario comunale) e Pietro (geometra e fotografo) entrano nella società bene della Calabria.

Il libro (https://www.youtube.com/watch?v=IiGEJhkTxHI) mette insieme tutti queste tasselli riportando una indicazione di fondo che è quella della profonda religiosità della famiglia. Il simbolo sacro e cristiano resta San Francesco di Paola che lega, anche dal punto di vista religioso, il mondo del sacerdozio vero e proprio con quelle dei padri minimi.

Una famiglia nel cuore di una Calabria nobile, aristocratica, proprietaria terriera e religiosa. Franz Von Lobstein con dovizia e profondità speculare, nei suoi scritti, fa emergere tutto ciò.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE