fbpx

Fusaro: “Le sinistre fuksia hanno superato a destra la Lega e anche Attila

Interviste & Opinioni

Gloria a Marco Rizzo, unico vero comunista rimasto. Le sinistre fuksia sono antifasciste perché il fascismo non c’è più, attaccano il manganello di Mussolini che grazie a Dio non c’è più, per accettare in silenzio il nuovo manganello dei mercati. La linea di Zingaretti è ridicola, nella misura in cui si vuole rivelare inclusiva verso le sardine, verso l’ambiente, senza mai menzionare il lavoro. Si rivolge a vegani, omosessuali, transgender, senza mai menzionare i lavoratori. E’ la sinistra demofobica, che odia i lavoratori.

Diego Fusaro, filosofo, è intervenuto ai microfoni della trasmissione “L’Italia s’è desta” su Radio Cusano Campus.

Sulla sinistra di oggi. “Le sinistre hanno subito una metamorfosi kafkiana che l’hanno trasformata da rossa a fuksia, da partito di difesa del lavoro a partito di repressione del lavoro e di tutela delle classi dominanti. Solo la sinistra di Marco Rizzo ha ancora il coraggio di rivendicare i valori della sinistra, gloria a lui, l’unico vero comunista che ancora si identifica con la falce e il martello. Il fatto che chi votava sinistra vota Lega non è per merito della Lega ma per demerito delle sinistre arcobaleno cosmopolite. La Lega non è un partito di difesa del lavoro, certamente però si rivolge più ai ceti popolari, almeno a parole, rispetto alla sinistra fuksia che ha superato a destra la Lega e anche Attila re degli Unni. Oggi usano la categoria di populismo per nascondere il loro odio verso il popolo e le sue richieste basiche. Lo stesso Rizzo che ha criticato le Sardine è stato additato come fascista dalle sinistre fuksia. Se fossimo negli anni 30 io sarei antifascista, ma oggi l’antifascismo è un rudere, usato dalle sinistre fuksia per non attaccare il capitalismo. Le sinistre fuksia sono antifasciste perché il fascismo non c’è più, attaccano il manganello di Mussolini che grazie a Dio non c’è più, per accettare in silenzio il nuovo manganello dei mercati. La linea di Zingaretti è ridicola, nella misura in cui si vuole rivelare inclusiva verso le sardine, verso l’ambiente, senza mai menzionare il lavoro. Si rivolge a tutte le categorie possibili: vegani, omosessuali, transgender, senza mai menzionare i lavoratori. E’ la sinistra demofobica, che odia i lavoratori. Se fossero a favore dei lavoratori dovrebbero opporsi al liberismo cosmopolita della globalizzazione dell’UE, ma loro sono a favore di questo e quindi contro i lavoratori che come il ceto medio sono stati massacrati dalla globalizzazione”.

Sulle proteste in Francia. “Credo che avesse ragione Kant quando scrisse che un evento come la Rivoluzione francese non si dimentica mai più. E infatti la Francia torna in piazza per protesta contro il globalismo di Macron. I francesi, con le proteste delle giubbe gialle, si sono opposti e hanno ottenuto dei risultati”.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE