fbpx

Sassoli ha vietato le bandiere nazionali all’Europarlamento, è una vergogna, un’assurdità

Europa

foto Sassoli

Purtroppo dentro questa Europa c’è un continuo conflitto, però non si può pensare che il modo per terminare i conflitti sia quello di togliere le bandierine che identificano la nazionalità dell’europarlamentare. Green New deal? E’ una presa in giro. L’Italia per questo provvedimento l’Italia dà 9 e prenderà 3. Daremo 900 milioni e ne prenderemo 300”

Angelo Ciocca, europarlamentare della Lega, è intervenuto ai microfoni della trasmissione “L’Italia s’è desta”, condotta dal direttore Gianluca Fabi, Matteo Torrioli e Daniel Moretti su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano.

La Lega denuncia che sono state vietate le bandiere degli Stati nazionali nel Parlamento europeo. “E’ una vergogna, un’assurdità, un’invenzione inaccettabile del Presidente Sassoli–ha affermato Ciocca-. Purtroppo dentro questa Europa c’è un continuo conflitto, però non si può pensare che il modo per terminare i conflitti sia quello di togliere le bandierine che identificano la nazionalità dell’europarlamentare. Teniamo presente che noi siamo pagati con i soldi dei cittadini dei nostri Paesi”.

Sul Green new deal. “E’ una presa in giro. L’Italia per questo provvedimento l’Italia dà 9 e prenderà 3. Daremo 900 milioni e ne prenderemo 300. L’obiettivo di qualcuno è inserire nuove tasse che possano finanziare i mille miliardi di piano complessivo, perché ad oggi i mille miliardi non ci sono”.

Conflitti d’interessi nell’UE. “Non si può pensare di guadagnare la verginità oggi dicendo che ci sono dei conflitti d’interessi all’interno dell’unione monetaria europea, è troppo facile così. Noi l’abbiamo sempre detto e ci prendevano per pazzi. Non puoi pensare di pulirti la coscienza dicendolo oggi senza andare a cercare le responsabilità dei danni che ha causato l’unione monetaria europea che ha causato chiusure di negozi, perdita di lavoro e di risparmi”.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE