fbpx

Alla fine andremo tutti in pensione a 64 anni con 35 di contributi?

Fisco & Pensioni

La proposta avanzata dalla sottosegretaria al lavoro illustrata in un’intervista a la Repubblica

pensione 64 anni
FRANCESCO MILITELLO MIRTO / NURPHOTO
Francesca Puglisi

Uscire a 64 anni e 35 di contributi, senza penalizzazioni. Un anno di contributi in più alle madri per ogni figlio. E ai giovani una pensione di garanzia fino a 750 euro al mese, a integrazione dei contributi versati, a patto che abbiano almeno 20 anni di contributi”. È la proposta avanzata dalla sottosegretaria al lavoro Francesca Puglisi, Pd, illustrata in un’intervista a la Repubblica. Una possibile proposta di mediazione da discutere il prossimo lunedì nell’incontro con le parti sociali.

Secondo Puglisi, la sua idea “è simile alla proposta Nannicini a cui il Pd fa riferimento, anche se lì si prevede un’uscita a 64 anni e 20 di contributi, ma con il ricalcolo contributivo per chi è nel sistema misto”. Una soluzione “senza ricalcolo” che cerca di salvare anche le finanze pubbliche.

All’obiezione secondo la quale le donne e le carriere discontinue farebbero fatica a raggiungere i 35 anni, Puglisi risponde dicendo che “alle donne verrebbe assegnato un anno extra di contributi per ogni figlio, senza limiti di figli” mentre i giovani “avrebbero un’integrazione del loro montante contributivo fino a 750 euro e 15 euro aggiuntivi per ogni anno oltre i 20 minimi di contribuzione”.

Quanto al costo complessivo del pacchetto, la sottosegretaria dice solo “stiamo facendo i calcoli” ma afferma anche che “non è più immaginabile procedere con interventi spot sulle pensioni E che occorre invece “agire ora e riscrivere la legge Fornero secondo due principi: equità intergenerazionale e sostenibilità del sistema previdenziale”. Lo scetticismo di chi dice “tanto io la pensione non l’avrò mai”, secondo Puglisi “getta discredito sulla politica”, che poi sottolinea: “Quanto alle coperture, si deve senz’altro attingere alla minore spesa per Quota 100. E poi anche immaginare di rimodulare l’Iva”.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE