fbpx

I quotidiani “sequestrati” in una biblioteca di Roma

Arte, Cultura & Società

Nella bella biblioteca Vaccheria Nardi, del quartiere dove abito a Roma, c’è la possibilità di dare uno sguardo alla maggior parte dei quotidiani nazionali. Guardare i titoli, leggere magari un articolo. Almeno io così faccio, cerco di non “sequestrare” il quotidiano per troppo tempo,  giacché mi viene il pensiero che altre persone vogliano leggerlo e stiano aspettando che io lo riporti al suo posto.

Non tutti però hanno il mio pensiero. Ci sono alcuni gentili signori che si leggono (almeno così sembra) il giornale da cima a fondo. E va bene, pazienza. Ma questa, la pazienza, si perde quando il lettore che si sprofonda nella lettura del giornale, ne ha sequestrato anche un altro, in modo che dopo che ha finito il primo, possa cominciare indisturbato col secondo, ed è così preso (almeno sembra) dalla lettura, da dimenticare di riportare il primo al suo posto.

Qualche lettore ancora più gentile, arriva anche a sequestrarne tre di giornali. Il pensiero che altri vorrebbero leggerli evidentemente non gli sfiora la mente. Oppure se ne rende conto perfettamente e se ne infischia? Sarebbe forse il caso di esporre un avviso con queste parole, ad un dipresso: “Si prega di prendere un giornale alla volta e possibilmente di non tenerlo per troppo tempo, sì da offrire anche ad altri la possibilità di dargli uno sguardo”.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE