fbpx

Dazi, Trump aumenta quelli su acciaio e alluminio

Estero

Aumentati i dazi su acciaio e alluminio da parte degli Stati Uniti. L’annuncio è arrivato direttamente dalla Casa Bianca.

WASHINGTON (STATI UNITI) – Aumentati i dazi su acciaio e alluminio. La decisione è stata comunicata dalla Casa Bianca specificando come le nuove imposte del 10% e del 25% saranno introdotte dal prossimo 8 febbraio. In particolare l’aumento riguarderà tutti i Paesi tranne Australia, Brasile, Canada, Messico e Corea del Nord per quanto riguarda l’acciaio mentre Argentina, Australia, Canada e Messico per l’alluminio. Maggiori dettagli saranno comunicati nelle prossime settimane visto che Donald Trump non sembra essere intenzionato a fare passi indietro. La dura politica economica di Donald Trump.

L’aumento dei dazi su acciaio e alluminio è la conferma di una dura politica economica di Donald Trump. Il presidente americano non è la prima volta che è protagonista di decisioni simili. In futuro anche altri prodotti potrebbero vedere l’aumento delle imposte. Nonostante i diversi avvisi da parte degli altri leader, la Casa Bianca non ha mai fatto passi indietro. Una politica dura che non ha avuto effetti negativi sulla Borsa americana visto che Wall Street nel periodo dell’ex tycoon a Washington ha chiuso in positivo. E i prossimi mesi potrebbero dare maggiore slancio anche ai mercati. Donald Trump (fonte foto https://twitter.com/realDonaldTrump) Elezioni a novembre in America Sono gli ultimi mesi di governo Trump. Il mandato, infatti, scadrà il prossimo novembre. In quel mese i cittadini saranno chiamati a votare il nuovo presidente. L’ex tycoon, nonostante le incertezze degli anni scorsi, ha deciso di candidarsi nuovamente e sfidare l’avversario democratico. I risultati economici sembrano dare ragione all’attuale inquilino della Casa Bianca ma come sempre sarà una battaglia fino all’ultimo voto. Molto dipenderà, secondo i giornali americani, dal candidato della sinistra. Un nome forte potrebbe mettere a rischio la conferma di Trump, altrimenti la vittoria del miliardario sarebbe molto probabile.  


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE