fbpx

Dalle concessioni autostradali a Quota 100: i dossier che mettono a rischio il Governo

Politica italiana e internazionale

Quali sono i dossier che potrebbero far cadere il Governo? Dalle concessioni autostradali a Quota 100, tutti gli scogli da superare.

ROMA – Superato lo scoglio elezioni, andiamo a conoscere quali sono i dossier che potrebbero mettere far ‘cadere’ il Governo. Il risultato delle ultime urne, infatti, ha rafforzato il Pd che potrebbe nelle prossime settimane iniziare a chiedere una ridiscussione delle forze di maggioranza. Il no da parte del M5s è solido e per questo non possiamo escludere ulteriori battaglie. Le concessioni autostradali il primo banco di prova Il primo vero banco di prova potrebbero essere le concessioni autostradali. Da tempo la maggioranza, come confermato in più di un’occasione dal premier Conte, è al lavoro per la revoca ad Aspi.

Il Pd sembra essersi convinto a sposare questa linea. Discorso diverso, invece, per Italia Viva che sembra essere pronta a mettere i bastoni tra le ruote a questo esecutivo. Fonte foto: https://www.facebook.com/GiuseppeConte64 Gli altri dossier Non ci sono solo le concessioni autostradali a mettere a forte rischio questo Governo. La prescrizione è un altro punto di scontro tra Italia Viva e il resto della maggioranza. Nei prossimi giorni dovrebbe iniziare in Parlamento la votazione sulla proposta di legge presentata da Enrico Costa. Un primo passaggio importante visto che l’idea del forzista potrebbe essere votata anche da Italia Viva.

Senza dimenticare la vicenda reddito di cittadinanza e Quota 100. Da tempo la sinistra chiede una revisione di questi due provvedimenti ma da parte del M5s non c’è la disponibilità. Anche in questo caso la linea del Nazareno sembra essersi ammorbidita. Discorso diverso, invece, per Italia Viva che continua la sua battaglia. Sembra esserci una linea comune sui decreti sicurezza e su Alitalia. Massima collaborazione tra le forze politiche sui due dossier che vogliono provare a trovare una soluzione il prima possibile anche per salvare il posto di lavoro a diverse persone. 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE