fbpx

E’ morta Lina Ben Mhenni, la blogger tunisina simbolo della rivoluzione dei gelsomini

Estero

E’ morta Lina Ben Mhenni, la blogger tunisina simbolo della rivoluzione dei gelsomini Stampa facebook0 Twitter Linkedin Lina Ben Mhenni morta. La blogger tunisina si è spenta all’età di 36 anni dopo una lunga malattia autoimmune.

TUNISI (TUNISIA) – Lina Ben Mhenni è morta. La blogger tunisina si è spenta all’età di 36 anni per una malattia autoimmune che l’aveva costretta ad un trapianto dei reni. La Tunisia ha perso uno dei suoi simboli visto che il suo blog è diventato famoso durante la rivoluzione dei gelsomini del 2011. Un anno cruciale per la sua carriera visti i diversi riconoscimenti avuti sia in ambito nazionale che internazionale. Chi era Lina Ben Mhenni Nata nel 1983 in Tunisia, Lina Ben Mhenni è stata uno dei simboli del Paese durante la rivoluzione dei gelsomini. La blogger nel 2011 si è recata a Sidi Bouzid, la città dove è partita la protesta, per raccontare cosa stava realmente succedendo al resto del mondo.

Un coraggio che l’ha portata ad essere candidata per il premio Nobel per la Pace oltre che a ricevere diversi riconoscimenti negli ultimi anni. Aveva anche aderito alla versione tunisina del #Metoo a difesa di tutte le donne tunisine molestate. Insomma, una vera e propria paladina della giustizia che si è spenta troppo giovane per una malattia autoimmune. E nelle prossime ore saranno molti i connazionali che andranno a salutare per l’ultima volta la blogger. fonte foto https://twitter.com/eccapecca Lina Ben Mhenni morta La morte di Lina Ben Mhenni ha lasciato un vuoto importante in Tunisia.

La giovane, infatti, era un vero simbolo per il Paese con i suoi libri che hanno raccontato la rivoluzione dei gelsomini. In queste ore sono stati diversi i messaggi di cordoglio arrivati alla famiglia della giovane. La 36enne si è spenta per una malattia autoimmune che l’ha portata anche ad un trapianto di reni. I parenti della giornalista a breve dovrebbero comunicare la data per salutare l’ultima volta la giornalista


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE