fbpx

‘Le regole per vivere’. In scena al teatro comunale di Monfalcone (Go)

Senza categoria

MONFALCONE – Una esilarante commedia, scritta da Sam Holcroft, prodotta dal National Theatre di Londra, con la regia di Antonio Zavatteri, dai chiari toni psicoanalitici ed introspettivi, che emergono durante il giorno di Natale, in cui l’intera famiglia si ritrova; ma quale famiglia? una normale famiglia della media borghesia, con figli avvocati di padre avvocato e madre d’altri tempi, che impone il rispetto delle regole di bon ton, senza sbavature. Modi compiti, linguaggio pulito, abbigliamento adeguato sono regole di stile che vengono ben presto infrante,  quando a voler prevalere sono i sentimenti autentici dei personaggi che, stanchi di mantenere uno stile “politicamente corretto”, danno ampio sfogo a pensieri, passioni, tensioni, isterie con ritmo incalzante che accende il palcoscenico, rendendolo luogo interattivo.

Lo spettatore smette di sentirsi un estraneo quando viene emotivamente coinvolto nella concitata involuzione della giornata di festa che, pur avendo tutte le premesse per svolgersi in un clima conviviale e disteso, con un albero di Natale da completare, regali già impacchettati, la tavola da apparecchiare ed il pranzo da servire, ben presto vede trasformarsi la sala da pranzo dei genitori anziani, in un campo di battaglia dove cadono tutte le maschere e si spezzano tutte le ipocrisie, rette per anni, per il “bene della famiglia”!

E’ il momento della resa dei conti!

Una tragicommedia che stimola un viaggio introspettivo ed offre spunti di riflessione critica sul valore dei rapporti familiari e la tenuta degli stessi, anche quando ad allargare il nucleo vi sono dei membri acquisiti con altro background culturale e di esperienza.

‘Le regole per vivere’, diventa, dunque, una rappresentazione estrema di conflitti interni, mai sopiti ed ormai esplosi, ma anche una lezione di vita, da cui poter ricavare gli strumenti per trasformare un finale certamente infelice in un happy ending.

Annamaria Peragine


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE