fbpx

Mattarella visita una scuola frequentata da bambini cinesi all’Esquilino

Senza categoria

Il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha visitato l’Istituto comprensivo statale “Daniele Manin” all’Esquilino, il quartiere di Roma connotato da una nutrita presenza di immigrati, specialmente cinesi. Il capo dello Stato, accolto dalle insegnanti, ha visitato alcune classi dell’istituto. Intrattenendosi con ragazzi della secondaria di primo grado e con i bambini della primaria, Mattarella ha intonato l’inno di Mameli sventolando al termine fazzoletti tricolore. Nel video e nelle foto pubblicate dal Quirinale si notano bambini di varie nazionalita’. L’istituto Manin, infatti, vede una presenza tra il 40 e il 50 per cento di alunni stranieri. In una classe elementare, Mattarella ha inoltre assistito in parte ad una lezione sui temi dell’amicizia e della pace, sulla scia della narrativa dei viaggi di Gulliver. 

Il gesto di Mattarella ha ricevuto l’apprezzamento dell’ambasciata della Repubblica popolare cinese a Roma. “Ringraziamo il presidente Mattarella per aver visitato la scuola “Danile Manin” frequentata da moltissimi alunni della comunita’ cinese”, si legge sull’account Twitter della sede diplomatica. “Grazie presidente – scrive sempre su Twitter il viceministro della Pubblica istruzione Anna Ascani -. Nelle nostre scuole non deve esserci spazio per le discriminazioni”. “Il presidente Mattarella – commenta il ministro delle Politiche agricole Teresa Bellanova – visita una scuola frequentata da tanti bambini e ragazzi che pur essendo nati in Italia non hanno la cittadinanza. Un gesto bellissimo, per mandare un messaggio forte di integrazione e rifiuto di ogni tipo di razzismo”. La visita del capo dello Stato nell’istituto comprensivo romano arriva in un momento di incertezza globale legato alla diffusione del coronavirus partita dalla localita’ cinese di Wuhan.  


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE