fbpx

Renzi: “Non voglio morire grillino

Senza categoria

Premier eletto dal popolo”. Zingaretti: “Chiacchiericcio insopportabile” L’intervento di Renzi a Porta a Porta rischia di aprire la crisi di Governo. Il leader di Iv è pronto a dare il benservito al premier Conte. ROMA – C’era grande attesa per l’intervento di Matteo Renzi a Porta a Porta e il leader di Italia Viva non ha deluso le aspettative: “Sono stati giorni molto difficili – ha detto l’ex premier – io sulla giustizia non ho cambiato idea. Ci volevano buttare fuori ma non ci sono riusciti. Magari se lo vogliono fare è loro diritto provarci.

Ma la prossima volta farebbero meglio a riuscirci“. Dal premier eletto dal popolo alla sfiducia a Bonafede Nessun passo indietro, quindi, da parte di Matteo Renzi che ha confermato l’idea di presentare una mozione di sfiducia al ministro Bonafede: “Penso proprio che se non si troverà l’accordo chiederemo la sfiducia individuale del Guardiasigilli. Io non voglio morire grillino e sono sicuro che con la cacciata di Bonafede il governo non cadrà“. Poi l’appello (tanto atteso) alle forze politiche: “Tutti noi dovremo darci una regolata. Non credo che una persona sola possa decidere tutto ma neanche che in questa fase politica si vada avanti con questi equilibrio.

Mi appello a tutti i leader. Siccome non si riesce ad andare avanti portiamo l’unico modello istituzionale che funziona, quello dei sindaci, a livello nazionale. Per me la soluzione è l’elezione diretta del presidente del Consiglio“. Matteo Renzi La replica di Zingaretti: “Chiacchiericcio insopportabile” Non si è fatta attendere la replica di Nicola Zingaretti alle parole dell’ex premier. “Credo che qualcuno agli italiani, e alle italiane se continua così gli farà venire il mal di testa con questo chiacchiericcio insopportabile del quale non si capisce il fine. Noi continuiamo a lavorare per riaccendere i motori dell’economia italiana. Come? Stando lontani dal chiacchiericcio e dai sotterfugi di Palazzo dei quali francamente non se ne può più“.

newsmondo.it 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE