fbpx

L’intesa secondo “Radici”

Italiani nel mondo

Oggi, l’informazione non è un problema minore. Ma ci ha pensato la tecnologia a eliminare le distanze e le incomprensioni linguistiche. Eppure, tanti problemi interpretativi restano. Sono passati più di diciannove anni dal secolo scorso. In questo periodo, è cambiata la realtà italiana, europea e mondiale. Però, parecchi problemi correlati all’italianità oltre frontiera ci sono ancora. Magari meno evidenti; ma pur sempre presenti.

Mentre la politica del Bel Paese s’è evoluta in modo diverso rispetto ad altre realtà UE, ci chiediamo: l’Italia è ancora recuperabile? In altri termini, il Paese sarà in grado di sopperire alle mancanze che interessano non solo i Connazionali nel mondo? L’interrogativo ha tutto il diritto d’essere vagliato. Chi vive oltre frontiera, anche se di terza o quarta Generazione, ha in Patria problemi assai simili a quelli dei predecessori.

 In passato, si emigrava per necessità, oggi lo scopo e rimasto lo stesso. Prima è stata la volta della forza lavoro manuale; ora è quella dei tecnici, dei diplomati e dei laureati che in Italia non trovano opportunità per sviluppare le loro competenze. Anche col nuovo Millennio, non sono finite le perplessità per un’Italia più europea di quanto in realtà sia.

Tramite “Radici”, intendiamo, quindi, promuovere un piano per una sorta d’”incontro”virtuale” con chi è “rimasto” e chi è “andato”. Preponiamo, di conseguenza, un’informazione che consenta alle Generazioni italiane, dentro e fuori i confini nazionali, di confrontarsi con uno spirito che superi i limiti delle consuetudini e dell’età. In quotidiano internazionale “Radici” è stato voluto dal nostro Editore/Direttore Responsabile Dott. Peragine proprio con questo proposito. La linea d’intesa è stato inquadrata. Ora è aperta la disponibilità.

Giorgio Brignola

redazione@progetto-radici.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE