fbpx

Monito di Conte a Salvini: “È l’ora dell’unità nazionale”

Politica italiana e internazionale

Il premier al Corriere: “Il leader della Lega mi attacca? Alimentando la paura non sta facendo gli interessi della nazione L’Italia si attende che tutti siano responsabili”. 

coronavirus conte salvini decreto governo

Matteo Salvini, Giuseppe Conte

“Questo è il momento della coesione e dell’unità nazionale, non della polemica”. In un’intervista al Corriere della Sera il premier Conte lancia un monito a Salvini e dice che “a chi vuole speculare e a chi ci accusa di voler assumere ‘pieni poteri’ rispondo che stiamo lavorando in pieno accordo con i governi territoriali e che le misure adottate sono studiate per essere adeguate, efficaci e coerenti con il principio di proporzionalità”. Non ci sta il capo del governo a farsi mettere in croce e nel rincarare la dose aggiunge: “Chi pensa di poter lucrare in termini di consenso, alimentando la paura, non fa l’interesse della nazione”.

Poi Conte chiama alla prudenza e all’unità d’azione e di intenti, perché “non è il momento delle polemiche” e “abbiamo un’emergenza che ci impegna severamente e un Paese di cui prenderci cura”. “Questo è il momento della coesione e dell’unità nazionale – ribadisce Conte – non della polemica. L’Italia si aspetta da tutte le forze politiche un atteggiamento responsabile, ispirato a collaborazione e professionalità”. “Le nostre decisioni poggiano sempre sulle valutazioni del comitato tecnico-scientifico” precisa il premier che evidenzia come nel dibattito pubblico “si dice di tutto e di più; ma dobbiamo fidarci del giudizio degli esperti e poi tenere sempre conto della concreta praticabilità delle soluzioni, non limitandosi a valutarle solo in astratto”.

Il governo prova a rassicurare le parti sociali

Poi il presidente del Consiglio tenta di rassicurare anche le parti sociali, dichiarando che “stiamo lavorando a un pacchetto di misure economiche strutturali peri vari settori colpiti, dalla manifattura al turismo” e annuncia che nei prossimi giorni saranno convocati alcuni vertici con i sindacati e le imprese “per definire nel dettaglio queste misure e per preparar e una più complessiva terapia d’urto per accelerare la spesa per investimenti”.

Anche perché, sottolinea il premier, “l’emergenza sta interessando diverse aree del pianeta” e l’Italia in questo scenario e contesto “sta mostrando grande responsabilità”. “Non c’è nessuna credibilità da recuperare” precisa Conte, perché semmai “siamo un esempio di responsabilità e affidabilità” in quanto “abbiamo adottato da subito misure draconiane” tanto che “siamo in contatto con i nostri partner europei e lavoriamo di concerto con il quadro internazionale nell’interesse di tutti i cittadini europei”.

E Conte poi assicura che “il panico è una reazione del tutto ingiustificata” perché “compromette la complessiva efficienza del sistema e innesca deprecabili speculazioni sui prezzi di alcuni prodotti” e garantisce che “l’approvvigionamento alimentare sarà assicurato con apposite misure soprattutto nelle zone ‘cluster’. La calma – invita – si riporta attraverso una comunicazione puntuale e trasparente”, per poi concludere: “Sono state alimentate polemiche inutili” e “la cabina di regia è essenziale per il coordinamento delle iniziative” e semmai “l’emergenza ci deve unire, non dividere”. La sua sola preoccupazione è dunque quella di “proteggere gli italiani” e “ il governo sta lavorando con spirito di squadra – afferma Conte – per affrontare un’emergenza con cui non ci siamo ma i misurati prima d’ora”.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE