fbpx

«Nessuna zona rossa sul territorio bergamasco»

Lombardia

                         Una veduta della bassa Valle Seriana

«Nessuna istituzione di zona rossa in territorio bergamasco». La precisazione è arrivata poco dopo le 16 di oggi, giovedì 27 febbraio, dopo che ancora una volta si è tornati a parlare di ulteriori restrizioni per la media e bassa Valle Seriana.

 
 

Tutto è nato da alcune dichiarazioni dell’assessore al Welfare di Regione Lombardia Giulio Gallera a margine dell’incontro con i prefetti lombardi. Gallera ha detto che il vero focolaio ad oggi è quello del Lodigiano e che i casi del Cremonese sono legati a quello. Poi l’assessore ha aggiunto: «C’è un tema bergamasco su cui stiamo ragionando, che è l’area di Alzano Lombardo. I tecnici stanno verificando e valutando se c’è questa necessità o se il tema dell’isolamento sia sufficiente».

Tanto è bastato però per tornare a far parlare di “zona rossa” in Val Seriana. Subito è però arrivata la precisazione via smartphone del direttore dell’Agenzia della salute di Bergamo Massimo Giupponi: «Vi scrivo ancora una volta per confermarvi che i titoli di stampa che riportano la possibile istituzione di una zona rossa nell’area di Alzano sono fuorvianti in quanto vi confermo che ad oggi NON È PREVISTA NESSUNA ISTITUZIONE DI ZONA ROSSA SUL TERRITORIO BERGAMASCO.

La frase dell’Assessore Gallera è riferita al fatto che Regione Lombardia sta monitorando tutte le aree più interessate dal fenomeno Coronavirus». Un messaggio inviato ai sindaci, che qualche amministratore ha anche rilanciato su Facebook per tranquillizzare la popolazione.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE