fbpx

Coronovirusi contagiati nel mondo arabo: 36 in Bahrain 45 in Kuwait, 2 in Oman,3 in Libano e 1 in Algeria.210 morti in Iran

Benessere & Medicina

 Foad Aodi: Una psicosi mondiale ; ha fatto un autogol e un danno d’ immagine gravissimo  

Cosi, l’Associazione medici di origine straniera in Italia (Amsi ) ,Unione Medica Euro Mediterranea (UMEM) , la Comunità del mondo arabo in Italia (Co-mai) e il Movimento Uniti per Unire (UXU) comunicano e commentano la situazione del coronavirus nel mondo con grande preoccupazione : 210 morti in Iran, i contagiati nel mondo arabo: 36 in Bahrain ,45 in Kuwait , 2 in Oman, 3 in Libano, 2 italiani negli Emirati Arabi , 1 in Algeria (rientrato in Italia attraverso un volo privato). In Mongolia è stato contagiato il Presidente Battulga con alcuni responsabili governativi al loro rientro dalla Cina. Alcuni pazienti  guariti in Oman e in Egitto .Il contagio si è esteso in 49 paesi e sono state contagiate più di 80.000 (3150 nel Corea del Sud ,600 in Iran, 7 in Israele, 57 in Francia, 60 in Germania, 3 in Danimarca, 19 in Inghilterra, 1 in Australia, 1 in Nuova Zelanda, Nigeria, Sud Africa, Russia, Azerbaijan, 2 in Olanda, 3 in Messico.

“Una psicosi mondiale ,fare affidamento  solo alla  comunicazione dei  competenti in materia e con riferimento a  numeri certi. L’Italia nella comunicazione ha fatto un autogol e un danno d’immagine gravissimo, visto che tutti i giornali e tv internazionali  parlano della situazione in Italia con la  raccomandazione di non andare in Italia e di far controllare o addirittura di non far entrare chi proviene dall’Italia .Con un SSN e professioni della sanità tra i migliori al mondo l’itala non ha saputo gestire e comunicare al mondo l’emergenza Coronavirus. E’ questo che ci chiedono tutti i giorni i Tv  ,Giornali e Radio dal Mondo Arabo ,Paesi del Golfo ,Europa e Africa tramite le interviste con il Fondatore di Amsi e Umem e Membro GDL Salute Globale Foad Aodi che si appella al Governo Italiano.

Fate comunicare con una voce unica, unita e competente e fornite  solo i numeri certi dei contagiati sintomatici come chiediamo da settimane. Non facciamo altri danni all’Italia dal punto di vista economico e sociale.

Lasciamo stare le divisioni politiche e le strumentalizzazioni sulla pelle dei pazienti e non facciamo a gara tra chi vuole andare di più in Tv e Radio a scopo di visibilità . Chiediamo di tutelare i professionisti della sanità e comunicare di più con medici, Fnomceo e albi professionali .Chi ha sbagliato o sta continuando a sbagliare nonostante tutto,  con grande omertà è  pregato di mettersi da parte, i giornali ,tv e radio non hanno colpa visto che loro riportano le dichiarazioni dei politici e rappresentanti  delle varie istituzioni compreso l’OMS che facciamo fatica a quantificare il danno portato dalle sue dichiarazioni non tempestive ,reale e chiare dall’inizio dell’epidemia”,conclude Aodi .


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE