fbpx

Coronavirus, giornalista Rai positivo al Covid-19

Cronaca

Primo caso di coronavirus in Rai. In un comunicato stampa il portavoce dell’Azienda di Viale Mazzini ha informato la popolazione italiana  che un dipendente della emittente televisiva è risultato positivo al temibile coronavirus

Secondo le prime indiscrezioni trapelate dai media la vittima dipendente della Rai che è interessato dal Covid 19 trattasi di un giornalista che è stato inviato ultimamente in zona gialla, ma fortunatamente non è stato fatto avvicinare negli ultimi giorni ai presidi aziendali. La Rai da quando e scoppiata l’epidemia del nuovo virus che sta attanagliando l’Italia,  soprattutto del Nord,  ha sotto costante controllo l’intero bacino dei propri dipendenti per salvaguardarli dalla contaminazione del coronavirus. I vertici Rai hanno aumentato negli ultimi tempi le misure per contrastare la diffusione del virus adottando nuove disposizioni per innalzare il livello di guardia, e, altresì, “attenzionando” gli inviati giornalisti mandati in prossimità delle aree rosse o gialle.

Il giornalista Rai, attualmente colpito dal virus influenzale di nuova generazione e risultato positivo al primo tampone, non presenta i sintomi di un  infezione attiva. Nel frattempo è stato predisposto un secondo tampone di cui si attende l’esito. Il dipendente è tuttora ricoverato all’ospedale Spallanzani e, nonostante la sua condizione di salute attuale, non versa in condizioni critiche.

l vertici dell’Azienda  hanno riferito in un informativa ai loro dipendenti che “la prima vittima di coronavirus in Rai riguarda un dipendente risultato positivo al primo tampone e attualmente ricoverato all’ospedale Spallanzani di Roma in buone condizioni”. Tramite una e-mail la Rai ha fatto sapere che “la persona contagiata è stato in trasferta in zona gialla e non ha avuto accesso ai presidi aziendali negli ultimi dieci giorni”. I responsabili dell’emittente televisiva pubblica hanno tenuto a ribadire che l’Azienda è impegnata a 360°  “nel garantire la massima sicurezza di tutti i dipendenti”.

L’Azienda di Viale Mazzini ha puntualizzato che “le misure a garanzia di chi opera sul campo e di chi lavora fisicamente negli insediamenti Rai sono state ulteriormente rafforzate”, sottolineando di “avere emanato ieri sera nuove disposizioni per innalzare ulteriormente il livello di attenzione per chi si trova o si è trovato nei pressi delle zone rosse e gialle”. Inoltre, si rammenta che non vi sono “altri casi di positività in azienda”. La Rai ha invitato  i suoi  dipendenti a non desistere “di collaborare per continuare a garantire la continuità del servizio pubblico”.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE