fbpx

Le 8 lezioni che il Coronavirus ci ha dato sull’Europa e sul neoliberismo

Economia e Finanza

Amodeo: tre chicche

1) La numero 1: Un paese senza sovranità monetaria può gestire le questioni ordinarie e forse le crisi bancarie ma non può gestire situazioni di gravi emergenza, di crisi, di epidemie o pandemie. Non ha i mezzi per farlo.
2) Il sistema monetario europeo è congegnato per sacrificare i popoli sull’altare del Dio mercato. L’aumento dei tassi di interesse per finanziarsi, a cui sono soggetti in questi giorni i paesi più colpiti dall’emergenza come l’Italia, dimostra che, invece di dare soccorso agli stati colpiti, drenano via le risorse verso i mercati finanziari.
3) Il Coronavirus ci ha insegnato che i burocrati europei sono degli sciacalli disposti a sacrificare il paese purché non si sforino i loro vincoli. Non ho sentito dire, per esempio, che a causa dell’emergenza è sospesa la contribuzione dell’Italia al Mes, anzi stanno approfittando della confusione generale per ultimarne la riforma. Non ho sentito dire che è sospeso il pareggio di bilancio, o i vincoli del fiscal compact. Non ho sentito dire nemmeno che l’Italia può interrompere la sua contribuzione netta all’Europa. Noi ci troveremo anche quest’anno a mandare in Europa molti più miliardi di quelli che riceviamo nonostante abbiamo una epidemia in corso ed ospedali non attrezzati
4) L’unione europea intesa come popoli uniti e solidali non esiste. I francesi hanno appena dimostrato con lo spot sulla pizza quanto possano essere spietati nei nostri confronti e quanto non perdano occasione per contribuire a mettere in ginocchio il made in italy e l’immagine del nostro paese.
5) L’apertura dei confini voluta dall’Unione europea è solo una questione retorica ed ipocrita. I confini devono essere spalancati se servono per portare migranti in Italia. Ma se la questione Coronavirus nel nostro paese dovesse continuare a prendere piede, ci ritroveremo i confini europei blindati per gli Italiani.
6) Al netto delle emergenze bancarie per le quali hanno istituito per lo meno 3 fondi e tante diverse risoluzioni. Non esiste un fondo nato per salvare i popoli dalle emergenze. Non esiste un commissario capace di gestirle dopo aver coordinato i diversi paesi, con risoluzioni univoche e condivise. Vige la regola del si salvi chi può.
7) La retorica del razzismo e del fascismo che sappiamo bene che non esiste e che fortunatamente non tornerà più, viene usata però contro chiunque voglia mettere in campo azioni di buon senso per tutelare la popolazione, come l’esigenza di mettere in quarantena le persone che tonavano dalla Cina, e chiudere i porti. Stiamo già subendo le conseguenze drammatiche per aver ritardato la prima soluzione, e sono certo che anche la chiusura dei porti agli sbarchi, avverrà quando sarà troppo tardi, perché farlo prima verrebbe considerato razzista da parte della UE e dei suoi sudditi italiani.
8) Il coronavirus ci ha insegnato che chi crede nel sogno europeo non è un sognatore ma uno che non si è mai svegliato.

Deficit: il gioco delle tre carte

Ci siamo fatti fregare ancora una volta.
L’Unione Europea ci ha rifilato nuovamente il gioco delle tre carte; i nostri politici complici si sono finti giocatori della medesima partita, distraendoci.
Ricordate la battaglia per il deficit del 2019 ? Il governo gialloverde lottava per ottenere un misero 2,4% nel rapporto tdeficit/pil mentre l’Europa ci concedeva soltanto un ridicolo 2,04%. Bene. Ieri sono arrivati i dati Istat: il deficit del 2019 è stato del 1,6%. Ossia 0,4% di deficit in meno rispetto a quanto imposto dalla UE. Il che in soldoni vuol dire che avremmo potuto spendere 8 miliardi in più o fare dei tagli di tale importo per fare respirare i cittadini e le imprese e non l’abbiamo fatto.
Come ci sono riusciti? con un semplice trucco contabile con i complici giusti a fare da piantone nei ministeri.
Hanno sovrastimato le spese e sottostimato le entrate, non per un errore tecnico, che sarebbe stato troppo eclatante ma per una scelta politica. Noi ci siamo fidati ancora una volta dei dati preliminari della Unione Europea e dei tecnici compiacenti. Ed abbiamo bruciato 8 miliardi di un deficit che era già di per sé ridicolo al 2,04%.
Ora l’Unione europea farà comparire di nuovo la carta vincente nel mazzo per dimostrare che abbiamo perso perché non siamo stati abbastanza bravi e non perché siamo stati vittima di un imbroglio.
E cosa hanno pensato di fare? accordare un misero 0,2% di deficit in più (circa 3,6 miliardi) per far fronte all’emergenza coronavirus. Ma come abbiamo visto, noi avremmo avuto ancora a disposizione uno 0,4%. Loro fingono di concederci un ridicolo 0,2% che come al solito era già nostro.

La fregatura del MES

Con il Mes l’Italia ha sottoscritto per 125 miliardi di euro ad un fondo per salvare le banche di altri paesi. Ne ha già versati 15,vale a dire 15 Mila Milioni di euro.
Nei fondi che hanno preceduto il mes e tramite accordi bilaterali ne avevamo gia versati altri 43. Ossia 43 Mila Milioni di Euro (metto il grafico nei commenti).
Per il Monte dei Paschi di Siena, i Monti Bond prevedevano 4 miliardi dei cittadini uno sull’altro.
Ogni anno diamo all’Europa circa 11 Miliardi di euro e ce ne restituiscono solo 6.

Per l’emergenza coronavirus, invece, l’Unione Europa ha autorizzato lo 0,2% di deficit.
Sapete cosa vuol dire? Solo 3 miliardi e mezzo per far fronte ad una epidemia. Ma non solo. Questi soldi non è che ce li hanno dati loro, come abbiamo fatto noi in tutti i fondi che ho spiegato prima, ma ci permettono di spenderli a deficit. Ossia di prenderli in prestito pagando gli interessi.
Questa è l’Unione Europea.


https://www.francescoamodeo.it/


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE