fbpx

Scuole chiuse, oltre 5 milioni di lavoratori in difficoltà

Scuola, Formazione & Università

Milioni di lavoratori in difficoltà per le scuole chiuse. Il gravame di questa decisione interesserà principalmente la ‘platea rosa’.

ROMA – Milioni di lavoratori in difficoltà per le scuole chiuse. Ad entrare nei particolari di questi numeri è la Fondazione studi dei consulenti di lvoro, che hanno evidenziato come oltre 5 milioni di persone (tra dipendenti e autonomi) potrebbero avere degli ostacoli in questo periodo. Lo studio dell’Istat In particolare, come precisato dall’Istat, il gravame della gestione dei bambini potrebbe interessare principalmente la ‘platea rosa’, costrette a scegliere tra famiglia o professione. Per le donne, infatti, non esiste la possibilità di conciliare la propria vita con i figli insieme a quella lavorativa. Nel 2019 sono state oltre 2 milioni le donne che hanno deciso di abbandonare la propria attività per dedicarsi ai figli. “Un dato esattamente elevato – si rileva nel report della Fondazione – se comparato al resto dell’Europa. Nel continente sono solo l’8,2% della ‘platea rosa’ le mamme che non lavorano per motivi familiari“.

Il Governo è al lavoro per cercare di rendere i numeri italiani più vicini a quelli europei ma in questo momento non è affatto semplice vista anche l’emergenza che si sta attraversando.

Possibile la proroga della chiusura delle scuole E’ alto il rischio della proroga della chiusura della scuola. I numeri del contagio da coronavirus non si fermano e per questo il Governo sta valutando la possibilità di mantenere le classi chiuse fino al 3 aprile o addirittura fino a dopo Pasqua. La comunicazione molto probabilmente arriverà nei prossimi giorni ma non si può escludere un anticipo dei tempi e quindi l’inserimento del provvedimento in uno dei decreti che saranno approvati entro domani. Le difficoltà rischiano di aumentare anche se il Governo è al lavoro per cercare di rendere più facile la combinazione tra lavoro e famiglia. 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE