fbpx

Ricorrenza Unità d’Italia

Cultura & Società

Il 17 marzo è la data celebrativa dell’Unità d’Italia, festa nazionale istituita nel 1911, giunta ormai al 159° Anniversario. Il Coordinamento nazionale docenti della disciplina dei diritti umani si associa all’appello del Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, e del Presidente del Consiglio dei ministri, Giuseppe Conte, alla coesione di tutti i cittadini per debellare il Coronavirus attraverso la condotta raccomandata dalle istituzioni.

In tale data, ricordiamo, è stato proclamato dal re Vittorio Emanuele II, nel palazzo Carignano di Torino, attraverso il testo della legge n. 4671 del Regno di Sardegna, successivamente diventato legge n. 1, il Regno d’Italia.

Il nostro Paese come entità politica unita esiste proprio dalla data che celebriamo oggi; molto è cambiato in termini di progresso civile, politico, economico e sociale. Gli italiani hanno imparato a condividere la propria cultura e comune identità da poco tempo rispetto ad altri Stati; eppure ci sono esperienze, spesso tragiche, che saldano in un unico corpo vitale le “molteplicità” degli individui: i conflitti mondiali, il terrorismo rosso e nero, gli attentati mafiosi, crisi economiche hanno consolidato l’ossatura dell’Italia, nonostante i violenti scossoni. La prova che dobbiamo affrontare oggi, forse, è una delle più drammatiche perché comporta più che sacrifici la capacità di superare l’egoismo personale per pensare veramente in termini di collettività. L’edonismo e l’individualismo imperante che hanno caratterizzato il mondo occidentale dai tempi del boom economico vanno accantonati in funzione di altri valori antichi che riguardano il concetto di Humanitas in senso lato. Solo pensando al bene altrui possiamo essere sicuri di realizzare il bene per noi e i nostri cari.

Il nostro hashtag è #italiainsiemenellasolidarietà.

«Il Senato e la Camera dei Deputati hanno approvato; noi abbiamo sanzionato e promulghiamo quanto segue: Articolo unico: Il Re Vittorio Emanuele II assume per sé e suoi Successori il titolo di Re d’Italia. Ordiniamo che la presente, munita del Sigillo dello Stato, sia inserita nella raccolta degli atti del Governo, mandando a chiunque spetti di osservarla e di farla osservare come legge dello Stato. Da Torino addì 17 marzo 1861» (legge n. 4671 del Regno di Sardegna)

Prof. Romano Pesavento

Presidente CNDDU


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE