fbpx

Economia e Finanza

Una impresa sulle piattaforme social promuoveva la produzione e la vendita dei dispositivi di sicurezza illegali in tutta Italia

 
Coronavirus mascherine 

© THOMAS KIENZLE / AFP
– mascherine protettive per l’emergenza coronavirus

Riconversioni industriali ai tempi del virus. Mascherine laddove si producevano imbottiture per feretri, Accade in provincia di Palermo, dove le fiamme gialle hanno sequestrato gli introvabili e ambiti dispositivi di sicurezza. In azione i finanzieri della Compagnia di Bagheria che, nel corso del monitoraggio dei social, hanno individuato un’impresa di Casteldaccia, attiva nella produzione di imbottiture per bare, che pubblicizzava l’imminente messa in commercio di “mascherine coronavirus“.

Il titolare dell’impresa e la sua compagna, che aveva pubblicato gli annunci sui social, sono stati denunciati per frode in commercio. Infatti i dispositivi, del tutto artigianali e privi di marchio CE, non erano stati neppure sottoposti all’obbligatorio vaglio dell’Istituto superiore di sanità. Tre dipendenti erano peraltro completamente in nero: sono stati denunciati anche per la violazione ai divieti di circolazione senza giustificato motivo. 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE