fbpx

Eurogruppo. Risposte forti a una crisi da tempi di guerra

Estero

L’Eurogruppo si prepara a risposte forti, perche’, dice il presidente Mario Centeno, il contenimento forzato sta portando le nostre economie ai tempi di guerra. E bisognera’ assicurare che le regole di bilancio e sugli aiuti di stato non impediscano gli aiuti alle economie in sofferenza. Intanto, la commissione europea propone lo stop ai viaggi verso l’Ue, ma avverte che e’ del tutto inutile pensare di chiudere le frontiere interne, tenuto conto che il Covid-19 e’ gia’ presente in tutti gli Stati membri. Ed insiste perche’ il mercato interno venga salvaguardato, con un coordinamento della gestione delle frontiere. Fondamentale e’ che si assicuri la libera circolazione delle merci, prima di tutto medicine, materiale medico e cibo.

“Uno stato di emergenza” come “in tempo di guerra”. L’effetto Coronavirus si abbatte sull’economia europea con la potenza distruttiva un conflitto. Ad ammetterlo e’ il presidente dell’Eurogruppo, Mario Centeno, che promette che “le norme di bilancio dell’Unione europea o le norme sugli aiuti di Stato non ostacoleranno il sostegno alle economie europee colpite dalla diffusione di Covid 19”. Centeno conferma la disponibilita’ politica ad allargare al massimo le maglie delle regole per consentire agli stati membri di utilizzare al massimo la leva della spesa.

“La mia dichiarazione espone una risposta politica coordinata dall’Unione europea che include iniziative per contenere e curare la malattia, sostegno di liquidita’ alle imprese, in particolare le Pmi e sostegno ai lavoratori e alle famiglie”, dice. La Ue intanto e’ alle prese con il tentativo di evitare che i paesi membri chiudano i confini a persone e merci, mettendo a rischio la libera circolazione, uno dei pilastri su cui si fonda l’Unione. Al momento sono 7 i Paesi che hanno notificato a Bruxelles misure sulle frontiere: Austria, Ungheria, Repubblica ceca, Danimarca, Polonia, Lituania e Germania. Si attende una comunicazione anche da parte della Spagna che pero’ al momento non e’ stata ancora notificata.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE