fbpx

Europa Duale

Politica italiana

di Antonio Vox

La BCE, che non dorme; di notte, ha lanciato un piano da € 750 mld.

Come si diceva al tempo di Mario Draghi e al tempo del “Whatever it takes”, si è armato un bazooka.

È immediata la reazione: lo spread, da oltre 270, cala significativamente a 185 per chiudere a 200.

Le Borse europee riprendono fiato con Milano a +4,3%, Londra +0,6%, Parigi +3,2%, Francoforte +1,6%.

E poi, il petrolio: il Wti (Texas) +13%, il Brent (Mare del Nord) + 5%.

Negli altri continenti, le Borse asiatiche hanno contenuto le perdite mantenendo un sostanziale equilibrio mentre l’Australia abbassa i tassi.

Il dollaro, di fronte all’altalena della BCE, si conferma divisa – rifugio. 

La Lagarde, o forse è meglio dire la Germania con i suoi falchi, ha capito l’antifona dopo la sonora sberla dei mercati di un paio di giorni fa, a seguito delle dichiarazioni improvvide della Presidente della BCE, certamente etero diretta.

La questione non è di lana caprina perché vuol dire che la politica monetaria della Unione Europea, oggi, è saldamente in mano a un gruppo di persone che, ossessionate dal mantra “rigore a tutti i costi”, non riescono a capire che questo è uno “stile mentale di vita” fallimentare, da convento.

Non è proprio questione di lana caprina visto che, inoltre, si è ampiamente capito che il citato gruppo di persone dispone di un fantoccio-marionetta alla guida dell’unico simbolo della Unione Europea, l’unico tessuto connettivo, la BCE. 

A questi simpaticoni “ora et labora”, come al loro fantoccio-marionetta, non importa mica di aver sperperato, con le proprie mani, grandi patrimoni dell’Italia con una borsa in caduta libera e uno spread in allegra salita: loro pensano solo a sé stessi.

Non è la figuraccia che interessi, ma quando hanno visto che tutte le borse mondiali accusavano pesantemente il colpo, a seguito delle dichiarazioni della Lagarde dal gruppo imbeccata, hanno subito capito che la cosa non avrebbe giovato nemmeno a loro.

E allora, sono intervenuti in meno di 24 ore.

Significativo è il fatto che non ci sia stata alcuna diminuzione dei tassi: preciso segnale che il dietro front ha lasciato loro l’amaro in bocca e che nessuno si illuda che la mentalità “lacrime e sangue” sia cambiata.

Non siamo in mano a degli sprovveduti, siamo in mano a dei maniaci fanatici. Lì, l’unica sprovveduta è la Lagarde che, nonostante esperienze e curriculum, ha preferito adeguarsi ai diktat di questi estremisti del pensiero.

Forse la Lagarde è persona preparata, il che è già poco credibile visto il drammatico flop; ma certo, senza dignità.

Il suo posto adeguato è quello di sportellista in una banca.

Ora, il quadro sperimentale dei fallimenti, oramai verificato nel tempo, mostra come sia necessario e obbligatorio, intraprendere un nuovo percorso di politica monetaria ed economica; proprio il contrario di quello che è stato fatto finora.

Bisogna fare una decisa e perentoria inversione a U.

Ma, dopo l’inversione, che c’è dall’altra parte?

C’è il percorso del libero “pensiero liberale”.  

Questa è una certezza: l’opposto di una mentalità sclerotizzata da dogmi, assiomi e pregiudizi, irreggimentata e indiscutibile, è la cultura del pensiero liberale, ariosa e costruttiva, entusiasmante e creativa, prospettica.

Delle oscillazioni dei listini Borsa e spread, si può vedere che quelle più ampie riguardano proprio l’Italia.

Come mai?

La risposta è semplice: l’Italia e il suo popolo accusano una crisi di credibilità. Come mai?

Anche qui la risposta, forse non scontata, é, tuttavia, semplice: si è aderito passivamente, non sapendo perché, ad una mentalità, quella teutonica, del tutto contraria a quella latina e italica.

È come se L’Italia avesse tradito sé stessa.

Si deve sperare che questa crisi globale la risvegli.    

Antonio Vox(si apre in una nuova scheda)


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE