fbpx

Il premier giapponese ammette che le Olimpiadi di Tokyo potrebbero slittare

Sport

Il premier Shinzo Abe per la prima volta parla di un rinvio: “Potrebbe essere inevitabile”. Il Canada annuncia che non manderà suoi atleti se i giochi dovessero tenersi come previsto a luglio.

coronavirus olimpiadi tokyo possibile rinvio© AFP – Un manifesto delle Olimpiadi fotografato a Tokyo ieri

Le Olimpiadi previste per la prossima estate in Giappone potrebbero slittare. Lo ha ammesso per la prima volta il primo ministro giapponese Shinzo Abe parlando davanti al Parlamento, dopo che il Comitato olimpico internazionale ha fissato una scadenza per l’eventuale decisione entro le prossime 4 settimane. “E’ difficile tenere i Giochi in questo modo”, ha detto Abe al parlamento, in quello che è il primo suo commento sulla possibilità di rinviare le Olimpiadi a causa della pandemia di coronavirus.

“Tenendo in considerazione la salute degli atleti, potrebbe essere inevitabile prendere la decisione di rinviarli”, ha aggiunto Abe.Il primo ministro ha poi chiarito che non intende cancellare l’evento sportivo dell’anno. “Anche se il Comitato Internazionale Olimpico prenderà una decisione finale, siamo della stessa opinione che la cancellazione non è un’opzione”. L’opinione è stata ribadita successivamente anche dal presidente del Comitato Olimpico giapponese, Yoshiro Mori, che ha assicurato in conferenza stampa, che i Giochi Olimpici di Tokyo non saranno cancellati. 

Il Canada, che chiede il rinvio delle Olimpiadi, ha comunicato che in ogni caso non manderà nessun atleta ai giochi olimpici se si terranno come previsto alla fine di luglio. Secondo il Comitato olimpico canadese e quello paralimpico i giochi dovrebbero essere rinviati di un anno. “Anche se riconosciamo le complessità legate a un rinvio, niente è più importante della salute e della sicurezza dei nostri atleti e della comunità mondiale e della salute pubblica”.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE