fbpx

Gli operatori sanitari possono essere portatori sani

Puglia

Tamponi e mascherine. Ancora vano l’appello dei medici

Di Riccardo Guglielmi

Emergenza Covid 19 – È già passata una settimana dall’appello del dott. Franco Lavalle, Segretario regionale dell’Ussmo, il sindacato dei medici ospedalieri, rivolto a sensibilizzare gli amministratori regionali per sottoporre a test diagnostico gli operatori della sanità regionale impegnati sul campo nella battaglia contro Covid 19. A nulla sono valsi, a tutt’oggi, gli esposti dell’Ussmo prodotti dall’On. Francesco Paolo Sisto a tutte le Procure della Puglia. Aumentano le testimonianze dei medici e gli appelli del Presidente della FNOMCeO,  Federazione degli Ordini, Filippo Anelli, che sottolineano l’inadeguatezza del modello ospedalocentrico per far fronte a questa pandemia visto il gran numero di medici e infermieri contagiati; secondo gli ultimi dati dell’Istituto superiore di sanità sono circa 65mila. Si allunga di ora in ora la lista dei medici morti per il Covid-19 dal Nord al Sud Italia, siamo a 60 decessi. Il virus non fa sconti a nessuno e non fa differenza tra operatori sanitari di una struttura pubblica o di una accreditata. È giusto informare che le strutture accreditate, malgrado la disinformazione per una in particolare, hanno attivato percorsi Covid e garantiscono assistenza e cure per le persone colpite da tutte le patologie che continuano ad esistere e a far danni sulle persone. Il compito principale di tutti  gli operatori sanitari è curare le persone. Se questi si ammalano tutta l’assistenza va in crisi. Da settimane i medici chiediamo di poter lavorare in sicurezza, dispositivi individuali di sicurezza, Dpi e tamponi. Sempre più importante nella lotta alla diffusione del contagio è la ricerca dei portatori sani, cioè persone con il virus nel corpo ma senza sintomi eclatanti. Ognuno di loro veicola con le goccioline di Flugge,( microogocce di saliva  nel vapore acqueo) una carica virale che infetta chi è vicino. Un medico o un infermiere portatore sano diventano ordigni innescati da ogni atto respiratorio. L’esplosione lancia nell’aria proiettili, in questo caso coronavirus, destinati a infettare le persone circostanti. I media ci mostrano i volti degli operatori sanitari sfiniti, con i segni delle mascherine sul volto, accasciati sui tavoli dopo estenuanti ore di lavoro. Lavorare in terapia intensiva significa fare aerosol di aria infetta e sono tanti i medici di medicina generale caduti nell’adempimento del proprio dovere. Non dimentichiamo i farmacisti che con il loro esempio stanno diventando un punto di riferimento fondamentale sul territorio per la popolazione.  È nostro dovere tutelare e difendere queste donne e questi uomini che non vengono meno al giuramento di Ippocrate e che alla richiesta di volontari da inviare a combattere in 8000 hanno risposto ”Presente”. È interesse della collettività difenderli e non essere sorda alle loro giuste richieste. Il lavoro del medico è indispensabile e insostituibile ma questo non è ancora capito dai politici. Un medico può fare l’amministratore, ma un amministratore  non potrà mai fare il medico o l’infermiere. Quando non ci saranno più rianimatori chi intuberà gli ammalati gravi che necessitano di respirazione meccanica.

Dobbiamo intervenire al più presto nelle regioni, come la Puglia dove il contagio non ha raggiunto i numeri del Nord. Una volta tanto la politica dia ascolto al medico. I pugliesi stanno facendo la loro parte restando a casa, e con il loro comportamento aiutano sé stessi e quelli che potrebbero curarli. Questa guerra si vince uniti e insieme. Amministratori  mettente la parte la burocrazia, non lesinate nella fornitura di Dpi, date gli ordini e i mezzi per sottoporre al più presto tutti gli operatori sanitari sul campo al tampone rino faringeo, unico test diagnostico certificato a tutt’oggi, per l’identificazione della carica virale di Covid 19.  

Alleghiamo il testo della lettera inviata ai nostri amministratori regionali dal dott. Franco Lavalle, Segretario regionale Ussmo.

“Dottor Michele Emiliano
Presidente Regione Puglia

Dr Vito Montanaro
Direttore Dip. Promozione Salute

Direttori Generali
ASL – Az. O.U. – IRCCS – Strutture San.

LORO S E D E

Oggetto: Richiesta esecuzione Tamponi diagnostici Covid 19 a Medici e Personale Sanitario attivo.

La particolare contagiosità del Corona virus, l’esperienza dell’infezione in Cina, la iniziale diffusione misconosciuta in Italia, la drammaticità della situazione in Lombardia e nelle altre Regioni del Nord Italia, l’alto numero di personale sanitario infettato, la immissione in servizio di specializzandi e giovani laureati in medicina, l’avanzare dell’Epidemia di Covid 19 in tutto il Paese e nelle altre Nazioni, impongono una adeguata e corretta salvaguardia dei Medici e degli Operatori sanitari che rappresentano il primo e fondamentale baluardo a difesa della Popolazione dalla Malattia.

L’attività di tutti i Sanitari che ha vissuto i momenti di graduale diffusione ed utilizzo dei DPI, i grandi numeri del contagio tra gli Operatoti Sanitari ed il conseguente loro sacrificio pagato anche con la morte, inducono USSMO – Universo Sanità Sindacato Medici Ospedalieri – a chiedere che vengano eseguiti i tamponi diagnostici a tutti gli Operatori Sanitari, Medici, Infermieri e Tecnici dei Servizi di diagnosi, che operano con incessante abnegazione per curare quanti sono affetti dalla Patologia.

Come è stato più volte sottolineato anche da autorevoli esponenti del mondo accademico, istituzionale e sanitario, gli Operatori Sanitari contagiati e non immediatamente diagnosticati, non possono che diffondere, inconsapevolmente, l’infezione fra le altre persone, contribuendo così, in maniera importante, a far aumentare il numero della Popolazione contagiata dalla Malattia.

Per questo motivo chiediamo con forza che vengano eseguiti i tamponi diagnostici per il Covid 19, a tutti i Medici e gli Operatori Sanitari in servizio attivo, iniziando da coloro i quali sono più esposti (Emergenza e 118, PS, Reparti Covid, Malattie infettive, Servizi diagnostici) e proseguendo con tutti i lavoratori della Sanità, compresi i Medici di Medicina Generale.

Ci auguriamo che questa nostra richiesta venga immediatamente recepita atteso che è il modo corretto per evitare la diffusione dell’infezione da parte dei Medici e degli Operatori Sanitari tutti.

Medici e personale sanitario ai quali, sottolineiamo, dovrebbero già essere stati consegnati gli indispensabili e adeguati DPI.

Firmato: Franco Lavalle”

redazione@corrierenazionale.net

 

 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE