fbpx

Capone (Ugl): l’europa soffia sul fuoco del conflitto sociale

Cronaca

CAPONE (UGL): L’EUROPA SOFFIA SUL FUOCO DEL CONFLITTO SOCIALE
 

ROMA  – “Il completo disinteresse delle istituzioni europee, che si stanno dimostrando incapaci di gestire questa crisi, verso le sofferenze che stanno attraversando i cittadini più colpiti dall’emergenza Coronavirus, è il segno della profonda distanza che esiste fra l’Europa della finanza e l’Europa dei popoli”. Così Paolo Capone, Segretario Generale dell’UGL, in merito al dibattito in corso fra i Leader europei sugli strumenti da adottare per scongiurare la recessione.
Per il sindacalista “è impensabile chiedere ad un grande Paese come l’Italia la ratifica di un pessimo trattato come il MES, che vincola la concessione dei crediti a rigide condizioni di ristrutturazione del debito. Il Governo difenda gli interessi nazionali e la sovranità del popolo italiano, come impone la Costituzione e se necessario pretenda la restituzione dei 15 miliardi di euro versati nel Fondo Salva Stati”. “L’assenza di solidarietà di questa disunione europea rischia di condurci al tracollo economico”, continua Capone. “In questo momento, l’Europa sta soffiando sul fuoco del conflitto sociale. L’Esecutivo – conclude – esiga la riscrittura dei Trattati e il sostegno ad un grande piano di investimenti per rilanciare l’economia e incentivare lo sviluppo”. 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE