fbpx

Case di riposo, quale futuro dopo l’emergenza?

Cronaca

 

A pochi giorni dalla diffusione da parte dei sindacati provinciali della drammatica stima dei 1.100 morti nel mese di marzo nella sessantina di case di riposo della provincia di Bergamo, il segretario generale della FP-CGIL provinciale Roberto Rossi, prova a immaginare cosa occorrerà fare, appena subito dopo che la dolorosa conta dei decessi sarà finita.

“I numeri totali dei decessi nelle case di riposo spaventano nella loro drammaticità e sarebbe doveroso renderli chiari e ben visibili, raccontando la realtà per quella che è, come già a più riprese abbiamo unitariamente chiesto. Quando questo sarà fatto e una volta passata l’emergenza, le RSA si troveranno in una situazione davvero difficile: se prima del contagio apparivano sottodimensionate rispetto al bisogno del territorio, ora dovranno fronteggiare una carenza di entrate che rischia di determinare conseguenze molto gravi e di portata molto ampia. Quello che è avvenuto e che ancora sta accadendo ci mette già oggi di fronte alla necessità di riflettere più compiutamente su tutto il sistema socio-sanitario e sul ruolo delle RSA nel territorio. Pensiamo occorra aprire una riflessione su come poter ripartire al meglio garantendo tutele sotto tutti i punti di vista”.

“La pandemia da Coronavirus nelle case di riposo ha colpito duramente ospiti e personale socio-assistenziale, non c’è dubbio, ma ha già ora avuto anche una ricaduta sul piano lavorativo e occupazionale per alcune figure professionali di fatto non impiegabili. Succede, ad esempio, per i terapisti della riabilitazione. Nelle RSA, ma anche nelle strutture ospedaliere, sta accadendo che per i professionisti sanitari della riabilitazione (fisioterapisti, educatori, logopedisti, etc…) si sia reso necessario ricorrere agli ammortizzatori sociali. Oppure li si è impiegati in mansioni certamente non previste dal loro profilo professionale”.

“Le future ricadute potrebbero essere ancora più forti: è necessario istituire al più presto un tavolo di confronto provinciale sulla gestione post emergenza nelle RSA, per far dialogare associazioni di rappresentanza datoriale, organizzazioni sindacali e ATS, provando a ripensare l’organizzazione a partire dalle dinamiche di rete della tutela delle fragilità legate all’età avanzata. Dobbiamo scongiurare la prospettiva di una crisi occupazionale, proprio dopo aver chiesto agli operatori delle RSA enormi sacrifici, tra cui la riconversione temporanea e parziale di alcune specificità professionali. La FP-CGIL sarà in campo per la tutela dei posti di lavoro e del reddito, per sostenere coloro che in questa emergenza sono stati in prima linea per tutelare la salute e la dignità dei più fragili, nelle case di riposo così come negli ospedali e nei servizi di continuità assistenziale attivi sul territorio”. 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE