fbpx

Bilancio condominiale nullo se è poco chiaro

Chiarezza e veridicità elementi essenziali per la validità del bilancio

di Giuseppe Nuzzo

Noi e il Condominio

Il bilancio condominiale o, meglio, il conto consuntivo della gestione condominiale, non deve essere strutturato in base al principio della competenza, bensì a quello di cassa. La mancata applicazione di tale criterio è idonea ad inficiare il bilancio sotto il profilo della chiarezza. Ne consegue che, laddove l’assemblea abbia approvato un consuntivo che non sia improntato a tali criteri e violi, quindi, i diritti dei condòmini, lo stesso potrà essere dichiarato illegittimo.

Il bilancio condominiale, per essere valido, deve essere privo di vizi. Deve essere accompagnato dalla documentazione che giustifica le spese sostenute. Inoltre, deve essere comprensibile per tutti i condomini, per consentire loro di controllare le voci di entrata e di spesa.

Il bilancio o, meglio, il conto consuntivo della gestione condominiale deve essere strutturato in base al principio di cassa. Il che significa che l’inserimento della spesa va annotato in base alla data dell’effettivo pagamento, così come l’inserimento dell’entrata va annotato in base alla data dell’effettiva corresponsione. La mancata applicazione del criterio di cassa inficia il bilancio sotto il profilo della chiarezza. 

Se si usasse sia il criterio di cassa che di competenza (cioè indicando indistintamente, insieme alle spese ed alle entrate effettive, anche quelle preventivate senza distinguerle fra loro) i condomini potrebbero facilmente essere tratti in inganno. 

Il criterio  di  cassa  consente poi un  raffronto  tra  le  spese sostenute  ed i  movimenti  del  conto  corrente  bancario  intestato  al Condominio. A ciascuna  voce  di  spesa  deve  corrispondere  un  prelievo diretto  a  mezzo  assegno  o  bonifico  sul/dal  conto  corrente  condominiale tenuto  conto  che  entrate  e  spese  devono  recare  traccia  documentale mentre non è consentito l’utilizzo del contante che tale traccia non reca.

Tutti i condomini hanno il diritto di comprendere il bilancio, anche se non sono esperti contabili. Per  consentire ciò, “l’amministratore dovrà indicare ed inviare ad ogni condomino un elenco delle  spese  sostenute (con data e causale dell’importo) già diviso per categorie secondo il criterio di ripartizione (come spese generali, acqua riscaldamento, ecc), l’indicazione delle quote incassate dai condomini e quelle ancora da incassare, l’indicazione delle spese ancora da sostenere, le eventuali rimanenze attive(fondi, combustibile ed altro) ed il piano di riparto  che  indichi  per  ogni  condomino  e  per  ogni  categoria  di  spesa  il criterio  di  riparto  e  la  quota  a  suo  carico” (Trib. Roma, n. 5969/2020).

 

 

 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE