fbpx

Portineria di comunità  in arrivo a Torino nei prossimi giorni

Piemonte

La proposta “ Portineria di comunità” vuole aiutare gratuitamente sia le famiglie che le persone che vivono in solitudine in questo brutto momento, i portinai vogliono utilizzare il loro tempo per aiutare i figli dei genitori impossibilitati col lavoro o per altro a seguirli nei compiti. Inoltre per i più piccini ci sono giochi e attività utili alla loro creatività con persino un servizio di lettura favole e fiabe per la buonanotte.

Compresi con questi aiuti c’è pure l’aiuto a tutte quelle persone a scaricare applicazioni, fare degli account nuovi e imparare a trasferire i dati, poi ancora c’è la possibilità di parlare in lingua francese insieme a due portinai di madrelingua e poi la possibilità di seguire un corso di canto.  Tutti quelli che non riescono a stare senza parrucchieri ed estetiste verranno dati consigli pratici di una signora di nazionalità marocchina che usa ingredienti casalinghi come creme e tinte per il cuoio capelluto.

Il progetto è proposto da Rete Italiana di Cultura Popolare facente parte ai 15 progetti rivoluzionari sociali promossi dal Capoluogo di Regione Piemontese aiutato dai fondi che arrivano dalla UE – Fondi Strutturali di Investimento Europei – Programma Operativo Città Metropolitane 2014-2020 – il tutto patrocinato assieme all’Ufficio Pastorale Migranti e Nessuno è straniero.

Questo progetto servirà a gestire e aiutare l’occupazione e l’inclusione per gli aiuti dei più bisognosi facendo così risparmiare del tempo prezioso a chi non può averlo.

Questo primo step seguirà l’apertura successiva di una portineria fisica nei pressi di Porta Palazzo, moltissimi portinai verranno presi con un contratto regolare mentre altri verranno presi come volontari. L’idea è innovativa per la società con lo scopo di ottenere delle relazioni dentro al quartiere inoltre moltissime persone non riescono ad integrarsi in maniera soddisfacente con gli altri che però possiedono capacità che gli altri non hanno” dice in una nota Giovanni Damasco direttore della Rete.

Verranno garantiti tutti questi servizi su richiesta per la Portineria dal Lunedì al Venerdì dalle 10.00 alle 16 contattando telefonicamente il seguente numero 3478788271 o inviando una missiva alla seguente mail: info@spacciocultura.it.

Massimo Davi


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE