fbpx

I leaders europei domani si riuniscono per decidere il futuro del vecchio continente

Senza categoria

Editoriale

EU- Il giorno della verità

di Luigi Benigno 

I leaders dell’Unione europea si riuniscono in teleconferenza oggi 23 aprile per un vertice che il presidente francese Emmanuel Macron ha già definito il “momento della verità” in Europa.

All’ordine del giorno dei capi di Stato e di governo dei 27 Stati membri c’è un punto che potrebbe decidere il futuro del vecchio continente nei prossimi decenni: si discuterà delle misure economiche da adottare per affrontare le ricadute economiche e finanziarie della pandemia da Covid-19.

E anche se tutti i leaders sembrano convinti di dover sostenere la solidarietà l’uno con l’altro, navigare tra le diverse posizioni nazionali e i vincoli imposti dal trattato UE non sarà facile.

Nessuno può prevedere gli esiti di questo importante summit con cui si deciderà il futuro delle economie europee messe a dura prova dalla pandemia. Un progressivo allentamento delle misure di contenimento applicate in tutto il continente è solo all’inizio e il ritorno  alla normalità potrebbe richiedere ancora molti mesi.

Ma le statistiche nazionali provenienti da singoli Stati membri dell’UE indicano che indicano che l’impatto economico della crisi sarà enorme e che il buco nelle finanze europee sarà di proporzioni gigantesche. La maggior parte delle stime ora presuppone che i paesi che gestiscono l’euro come valuta possano subire cadute economiche paragonabili a quelle registrate nei giorni più bui della Grande Depressione negli anni ’30.

E a peggiorare le cose, gli Stati dell’Europa meridionale – Italia, Francia e la Spagna – le cui finanze nazionali erano già sotto pressione ancor prima della pandemia, hanno avuto la parte del leone per  il numero di morti registrati a causa del coronavirus.

Gli attuali trattati dell’UE che impegnano i paesi membri a limiti rigorosi della spesa pubblica per il contenimento del debito hanno subito una deroga  a causa della crisi sanitaria; anche la Germania – la più grande economia europea, principale paese sostenitore dell’austerità finanziaria – potrebbe finire per violare queste disposizioni giuridiche nell’anno corrente.

Ma il timore è che, se presto non si concordano ulteriori fonti di finanziamento per la ricostruzione economica dell’Europa, il prezzo che i paesi fortemente indebitati dovranno pagare per ottenere prestiti sui mercati finanziari diventerà insostenibile, scatenando una crisi simile a quella che l’Europa ha affrontato dieci anni fa, quando la Grecia rischiò il fallimento nazionale.

E mentre la Grecia ha potuto essere salvata dal fallimento poiché  rappresentava solo l’1 per cento circa dell’economia totale dell’Unione in quel momento – l’Italia o la Spagna sono semplicemente troppo grandi per essere salvate, quindi una crisi potrebbe abbattere l’intera unione europea.

L’Europa sta già facendo la sua parte per condividere l’onere finanziario. La Banca centrale europea (BCE) acquista le obbligazioni degli Stati membri attraverso il suo cosiddetto programma di acquisto di emergenza pandemica, del valore di 750 miliardi di euro (1,16 trilioni di euro), quindi i paesi dell’UE possono continuare a prendere prestiti a tassi ragionevoli.

Ma ciò ha già esteso il mandato giuridico della BCE e non affronta il problema dei volumi a lungo termine di prestiti così massicci.

Fino a questa settimana, il timore che l’Europa potesse essere dilaniata da una tradizionale disputa tra i paesi dell’UE più poveri, secondo cui l’unica via d’uscita è che gli Stati membri accettino la responsabilità congiunta dei debiti sostenuti per affrontare l’attuale pandemia – emettendo i cosiddetti Coronabonds – e gli Stati europei più ricchi come la Germania o i Paesi Bassi , che si oppongono alla misura, sottolineando che non possono assumersi un onere comune di questo tipo senza le modifiche dei trattati UE esistenti, che potrebbero richiedere anni per essere attuati.

Le probabilità che un dibattito di questo tipo venga evitato giovedì, è possibile perché la cancelliera tedesca Angela Merkel sembra disponibile ad aderire ad un piano proposto dai ministri delle finanze dell’UE per creare uno speciale fondo di 500 miliardi di euro per sostenere la ripresa economica a livello europeo.

Giovedì, tutti gli occhi saranno puntati su come questo pacchetto di interventi funzionerebbe. L’intervento non finanzierà i debiti reciproci; il fondo sembra destinato ad essere amministrato dalla Commissione europea, l’organo esecutivo del sindacato, e sembra orientato a fornire sgravi economici.

Ma rimangono da sciogliere i nodi su questioni quali la rapidità con cui verrà istituito il nuovo fondo e quali interventi finanzierà. Né è chiaro se il denaro si applichi sotto forma di prestiti – nel qual caso il regime non fa altro che aumentare i debiti nazionali – o di sovvenzioni che forniranno un reale sollievo alle gia traballanti finanze di alcuni Stati membri.

Tuttavia, non c’è dubbio che l’UE è determinata a combattere qualsiasi speculazione su come dovrebbe gestire il suo futuro.

redazione@corrierenazionale.net


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE