fbpx

Voglio tornare a sognare!

Politica

Vennero due grandi Michelangelo e il Bernini che sognavano di rimanere eterni nella storia. E fu così il mondo intero viene a Roma per ammirare le loro opere.

Poi fu la volta di un uomo che sognava di trovare altri continenti e trovò un fazzoletto di terra e la chiamo America. E lì nacquero migliaia di sogni di uomini di tutte le parti del mondo: lui era Cristoforo Colombo .

Non più tardi venne un uomo di nome Enzo Ferrari: sognava di vedere le sue auto sfrecciare su tutte le strade del mondo. Dite che realizzò il suo sogno ? Certo che si. Ancora oggi fa sognare migliaia di uomini e donne.

Pilastri dei nostri tempi, che sognano e fanno sognare, tutt’ora sono Armani, Versace, Valentino che fecero delle loro idee e sogni la moda nel mondo, anzi l’alta moda, arrivando a vestire principesse, attrici, attori ed avendo “boutique” sparse per tutto il continente.

Per non parlare dei silenziosi imprenditori fuori dai riflettori che sono riusciti nei loro sogni e sono presenti in tutto il mondo .

Ma c’è stato anche chi ci guardava da fuori e disse che a questo splendido paese manca un Gioiello. E così nacque la perla del nostro mare e l’isola più Chic su cui su cui arriva il Jet Set estivo del mondo intero:la Costa Smeralda.

Pensate che tutto questo è stato possibile grazie ad una politica di quei tempi, perché guidavano il Paese persone lungimiranti, sognatori che vedevano l’Italia nel mondo ed il mondo in italia.

E così è stato per lunghissimi anni: il benessere girava per le strade ed era così vero che si poteva toccare con le mani e sentire il suo profumo.

Non pensate che non ci siano più sognatori in Italia. Anzi è vero il contrario.

E’ pieno di ragazzi, ragazze, uomini, donne, che ancora sognano perché è nel nostro DNA. Ma poi i sogni si bloccano a causa di questa classe dirigente politica che non pensa al futuro, ma solo al proprio presente.

Non mettono in campo strumenti per far sì che nascano nuovi sogni, anzi li bloccano prima di nascere con la burocrazia, il sistema stagnante bancario.

Il pensiero di aprire un’attività è funzionale al lavorare per lo Stato. Si perché le tasse sono le più alte del mondo.

E poi tutte le difficoltà a iniziare senza un aiuto, per poi ritrovarsi dopo un anno bloccati e quindi rinunciare al proprio sogno.

Tutto questo accade solo nel nostro Paese dove delinquere non è più un reato, ma è reato difendersi nella propria casa, dove prima vengono chi entra nel nostro paese senza essere in regola-

E costa una cifra esorbitante, ma è business.

Poi forse viene l’italiano, con famiglie in fila alla Caritas, con anziani che rovistando nelle ceste di frutta a fine mercato, anziani usurpati della loro dignità dopo aver lavorato una vita e aver contribuito a fare grande questo sogno chiamato Italia.

A me questo sogno futuro non piace. Io voglio tornare a Sognare in grande e vedere ragazzi fare grandi progetti, vedere famiglie con il sorriso.

Credo che sia il nostro diritto più grande non rinunciare ai nostri sogni.

Quindi dopo cinque presidenti della stessa bandiera non è cambiato nulla, anzi e peggiorato tutto e siamo proprio “arrivati”.

Basta! Voglio tornare a Sognare e anche voi ne avete diritto per il bene della famiglia che è sempre stata al centro dei pensieri della Democrazia Cristiana ,.

E se tutto questo si era potuto realizzare è stato grazie alla Democrazia Cristiana.

Sara una lotta dura e impari con i poteri forti che si sono ramificati in Europa e in italia, ma i sogni sono più forti e si realizzano sempre !

Quindi io vi chiedo per un futuro migliore e per ritornare a vedere il benessere, di toccarlo, di averlo, di sentirlo e poter farne uso, di pensare in grande.

Per noi, per i nostri cari, ricordando i nostri padri fondatori di questa magnifica nazione.

Dobbiamo cambiare e scegliere insieme la strada dei Sogni e non quella del Buio che c’è ora. Voglio tornare a Sognare !

Giovanni Paolo Deidda – Segretario organizzativo della Democrazia Cristiana del I° municipio di Roma capitale


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE