fbpx

Posso avere il suo permesso di celebrare la morte del mio paese?

Arte, Cultura & Società

By Dr. Ashraf Ramelah

Posso avere il suo permesso di celebrare la morte del mio paese?

 Ill.mo Signor Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte

Sin dal suo primo giorno in carica, l’Italia ha subìto un declino morale. Gli slogan pre-elettorali pronunciati da quei sostenitori che hanno avallato la sua nomina alla presidenza del consiglio, si sono rivelati falsi e ingannevoli immediatamente dopo il suo insediamento.

Ascoltando i suoi discorsi, ci si rende conto che la democrazia e la libertà, sotto la sua “guida”, sono state ignorate e forse scompariranno per sempre.  

La libertà che abbiamo in Italia è a rischio.

Purtroppo, vedo che l’Italia sta diventando come l’Egitto, il mio paese natale. La dittatura militare di Nasser e la discriminazione contro i Cristiani Copti, mi costrinse a cercare la mia libertà e un futuro migliore altrove…ho scelto l’Italia.  

Nel Bel Paese ho imparato la dignità umana, il valore della libertà personale, e religiosa, ma soprattutto quella di espressione, che oggi mi permette di scriverle questa lettera.

Oggi, dagli Stati Uniti, dove attualmente mi trovo, nelle sue azioni politiche vedo le stesse impronte della politica autoritaria di Nasser.

Malgrado in questo particolare momento storico il mondo intero stia vivendo il dramma di una pandemia denominata Covid-19, lottando contro un nemico difficile da debellare, questo nemico ha assegnato a Lei, Sig. Presidente del Consiglio un potere mai sognato.

Lei Sig. Presidente è un abusivo

Lei Sig. Presidente che non è neanche stato eletto dal popolo, è stato capace di servirsi di questo disagio sociale per trasformare un’emergenza sanitaria (vera o falsa che sia) per mettere da parte la Costituzione e, monopolizzando il potere concessole, lo ha usato contro la democrazia e contro la sovranità del popolo. Le misure estreme degli arresti domiciliari di oltre sessanta milioni di cittadini e le restrizioni dei diritti individuali che lei ha proclamato firmando decreti incostituzionali, vanno troppo al di là di quello che era suo dovere fare per il suo paese. Tutto ciò rende il suo operato sospetto e induce a pensare che vi siano obiettivi nascosti in ogni suo atto e in ogni sua parola.

Il suo discorso di domenica (4/26) che illustravano le tre fasi della rimozione del blocco era una chiara indicazione del controllo arbitrario e selettivo che lei intendeva esercitare sulla popolazione italiana, un atto questo che solo un dittatore poteva emanare

Signor Conte, la Costituzione che Lei ha giurato di seguire e proteggere dove è? Lei è consapevole che la sua dichiarazione di Domenica è andata ben oltre?

Inoltre, se la sua intenzione è di permettere la vaccinazione obbligatoria, di installare i dispositivi elettronici di localizzazione tramite App o bracciali di sorveglianza, come hanno affermato i media, il popolo combatterà questa pratica illegale, dittatoriale e sacrilega perché calpesta non solo la legge che l’uomo si è dato per vivere in libertà ma anche la legge universale di quell’Essere divino che ha posto l’uomo sulla terra perché egli fosse libero di scegliere secondo il libero arbitrio da Lui concessogli. Sarà il popolo che rigetterà  la fonte e le persone da cui hanno origine quelle ideologie che favoriscono queste pratiche perentorie che senza alcun dubbio sono contro le libertà individuali come indicate nella Costituzione.  

Prima del suo insediamento, avevamo un paese che cercava la sopravvivenza alla dittatura dell’UE, ma con Lei a capo del governo ora abbiamo una vera dittatura.

Signor Conte, Lei ha il titolo di Primo Ministro, ma non è il mio presidente, e rappresenta milioni di italiani che non hanno mai votato né Lei né il suo governo.

L’oppressione che il suo governo illegittimo sta esercitando sull’italiano non può durare per sempre.

Ora più che mai l’Italia ha bisogno di politici eletti dal popolo e non imposti da forze esterne.

Dunque! Dimissioni immediate, Elezioni immediate, ma soprattutto potere e sovranità al popolo.

                                    Viva l’Italia libera e sovrana!

^^^

Open letter to the Italian Prime Minister

May I have your permission to celebrate the death of my country?

By Dr. Ashraf Ramelah

Prime Minister Conte,

Since your first day in office, Italy has been in moral decline. Upon your installation, the election slogans of those who chose you proved false and deceptive. Listening to your discourses, I sadly realize that democracy and liberty are fading under your “leadership.” The freedom we have in Italy is in jeopardy.

I am noticing that Italy is becoming like my birth country of Egypt when I escaped Nasser’s dictatorship. Now, from the USA, I watch you from afar implementing Nasser-like authoritarian policies in my beloved country of Italy.

Under the strange phenomenon of Covid-19, your extreme measures of house arrest and invasion of privacy go way too far, which renders it suspect. Do you have a hidden, underlying goal?

Your Sunday (4/26) address to the citizens of Italy itemizing three phases of removing the lockdown was a clear indication of arbitrary and selective control over the populace that only a dictator could relish.

Mr. Conte, do you have knowledge of Italy’s constitution on which you swore an oath? Are you aware that your statement of Sunday went above and beyond what our constitution allows?

Furthermore, if you have any plans to install an app that traces the movements of free citizens in order to fight a virus or otherwise or to institute arm bracelets as tracking devices and commit surveillance of the public as the media have stated, we will fight such a notion and expunge the ideology that fosters such draconian practices.

Prior to your installation we had a country trying to survive the rules and regulations of the EU. With your presence we are obligated to accept them and much more.

Mr. Conte, do I need to point out that you were never elected by the millions of Italians you rule over now with an iron fist? Oppression of the Italian people by an illegal government cannot last forever.

You branded yourself as the “people’s attorney” in which case you fail in your duties. Mr. Attorney, you need to resign before you will be forced to do so.

La Casa Futura project currently consists of one dormitory building providing help for up to 100 youths per session. Each session provides language learning, job direction, and cultural understanding. LCF is in its initial stage of development as we seek financial backers and matching funds for individual donations.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE