fbpx

Alle scuole di Rho 50mila euro di finanziamenti europei per l’acquisto di tablet e pc

Senza categoria

Image

Emergenza Coronavirus, alle scuole di Rho 50mila euro di finanziamenti europei per l’acquisto di tablet e pc 

Beneficiari i 4 istituti comprensivi della città, che ricevono 13mila euro ciascuno per la didattica a distanza con il bando PON. I fondi si aggiungono a quelli già arrivati dal Ministero dell’Istruzione e ai 70 dispositivi donati da cittadini e aziende

I quattro istituti comprensivi della città si aggiudicano il finanziamento del bando PON (Programma Operativo Nazionale) del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, intitolato “Per la Scuola – competenze e ambienti per l’apprendimento”, finanziato dai Fondi Strutturali Europei.

Agli istituti comprensivi “Franceschini”, “De Andrè”, “Anna Frank” e “Grossi” sono destinati circa 13mila euro ciascuno da utilizzare per l’acquisto di pc, tablet e dispositivi per la connessione internet destinati alle scuole del I ciclo, primaria e secondaria di I grado.

Il bando è stato pubblicato lo scorso 17 aprile e le domande potevano essere presentate dal 20 al 27 aprile. Le scuole che hanno aderito sono state 4.905, l’87,2% dei 5.625 istituti che potevano partecipare, per un totale di finanziamenti pari a 63.679.174 euro. La Lombardia è la Regione a cui è stata assegnata la più alta quota di risorse, 8.172.708 euro.

I fondi del bando PON si aggiungono ai finanziamenti del Miur, pari a circa 10mila euro per istituto, per un totale di quasi 100mila euro di finanziamenti, e ai 70 pc e tablet, nuovi e usati, donati da privati e aziende per aiutare gli studenti che non avevano strumenti per la didattica online e che rischiavano di rimanere esclusi dal percorso scolastico.

“Grazie a questo contributo si aggiunge un altro pezzo alla digitalizzazione delle scuole di Rho, un percorso iniziato nel 2013 con il Distretto digitale, per dotare gli istituti di strumentazioni hardware e software, come il registro elettronico e la connessione ad alta velocità – dice l’assessora a Scuola e Istruzione, Valentina Giro -. Durante l’emergenza sanitaria Covid, la didattica a distanza è diventata una realtà per tutti, e siamo riusciti a renderla più accessibile grazie al contributo di tre forze che si sono attivate: quelle locali, che hanno generosamente donato 70 dispositivi nuovi e usati, oltre ai tecnici volontari che hanno configurato le macchine; quelle del Governo, con un finanziamento di 10mila euro per istituto; e quelle europee del PON, che aggiungono altri 13mila euro per ogni scuola. Ci complimentiamo anche con le scuole, che si sono attivate tempestivamente per ottenere le nuove risorse”.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE