fbpx

Già “normalità“ nella cosiddetta Fase 2?

Politica italiana

di Stefano Cuomo

Si, oggi, abbiamo assistito e ascoltato una delle pagine più indecorose del Parlamento. L’oggetto è stato il voto di sfiducia al Guardasigilli, salvato in extremis dall’intervento di Italia Viva e dal suo leader Maximo indiscusso, Matteo Renzi.

Renzi, una settimana fa, attenzionava il Premier Conte circa il suo atteggiamento da “uomo solo al comando”: – caro Presidente Conte, Italia Viva non ha negato i poteri al senatore Salvini per offrirli a Lei… – .

Oggi il Matteo Renzi si replica con il Ministro Bonafede, ricordandogli l’atteggiamento del M5S verso i ministri Alfano, Lupi, Boschi, Guidi, Lotti, cercando, lui stesso, di passare come salvatore della Patria e mantenendo in piedi non solo il peggior governo in assoluto ma, nello specifico, il peggior governo di Burocrati, il governo delle Task Force, il governo dei DPCM, il governo delle cose dette e non mantenute – quasi tutte a firma dello stesso Renzi.

Oggi si è definitivamente chiusa una possibile opportunità di creare un Centro politico poiché, con questa votazione, Renzi e Italia Viva, hanno definitivamente dimostrato la loro inadeguatezza e la loro mancanza di credibilità.

Certo, nel suo discorso ha puntualizzato che le due mozioni di sfiducia, presentate dalla senatrice Emma Bonino e dal centro destra erano temi reali e non strumentali e per questa ragione, personalmente, ritengo che l’offesa sia stata rivolta alle famiglie che hanno perso “congiunti” per mano della mafia, della camorra e della Ndrangheta; alle risorse che hanno dovuto subire aspettative economiche e finanziarie di una azienda che è più facile che possa fallire che salvarsi; di giovani professionisti mortificati da 600,00 euro, probabilmente, non ancora arrivati dal mese di marzo ma sicuramente non pervenuti per i mesi di aprile e maggio; commercianti mortificati e tratti in inganno da una normativa che obbliga un appuntamento telefonico per una messa in piega e, se pur libero, non può accettare clientela di passaggio altrimenti si vede multato oltre alla chiusura forzata dell’attività per tre giorni, minimo. Lavoratori del privato che da tre mesi non vengono nobilitati da una Cassa Integrazione – poiché il lavoro nobilita l’uomo e lo rende simile agli schiavi.

Siamo ritornati alla normalità, dove, come scrive Carlo Taormina, la politica di Renzi salva Bonafede (e il governo Conte) mentre il Ministro Bonafede non ha mai querelato il magistrato di Matteo.

Siamo ritornati alla normalità, dove, come dice Senaldi, gli unici soddisfatti di questo Governo sono gli italiani parassiti e come dice il Commissario Autieri gli unici insoddisfatti (sul caso mascherine) sono i liberisti da divano.

Manca una presa d’atto, che la Costituzione più bella del mondo è fallita. Fallita alla vigilia di questa pandemia, affrontata annullando i principali diritti di Libertà individuali e imporsi un Governo incompetente è onnipotente dove per giustificare la stessa incompetenza si sono nominate una serie di Task Force che hanno verbalizzato cosa si poteva o non potere fare ma per limitare la libertà, chiudendoci nei nostri appartamenti.

Un capovolgimento dei Renziani dove più volte hanno minacciato di votare con le opposizioni per sfiduciare lo stesso guardasigilli ma alla fine, siamo tornati alla normalità, convinti che Renzi e Italia Viva rappresentino il sintomo e non il rimedio

Stefano Cuomo

Partito Liberale Italiano

Responsabile Nazionale Organizzativo


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE