fbpx

Il Bari in smart working appronta la ripresa agonistica

Sport & Motori

Così, dopo le decisioni scaturire prima dall’Assemblea della Lega Pro che tanto hanno fatto irritare il Bari, e quelle più logiche del Consiglio Federale, il Bari, pur continuando a lavorare in smart working da casa, è costretto a rimanere affacciato al balcone in attesa di cenni chiari e definitivi. Il Consiglio Direttivo, intanto, ieri si è riunito confermando le discrepanze della categoria che sembra essere destinata a scomparire nel suo status di professionismo. Forse Ghirelli pensava di contare di più con le sue sintesi scaturite dalla tanto discussa assemblea di una settimana fa, sperando che le decisioni prese nell’ambito della stessa potessero avere più peso specifico in sede di Consiglio Federale ma, di fatto, non è stato così in quanto lo stesso Consiglio ha deliberato la ripresa dei tornei in uno modo o nell’altro.

Nel frattempo in serie C il sospetto è quello che non si possa riprendere il campionato per via della mancanza di fondi da parte delle società impossibilitate ad ottemperare alle esose spese previste dai protocolli sanitari, mentre l’impressione è che si vada verso la disputa dei playoff, soluzione, questa, gradita dal Bari.

Il Presidente De Laurentiis ha detto che, in ogni caso, sia per la ripresa del torneo, sia per i playoff, intende farsi trovare pronto anche se lui stesso è del parere che il campionato non abbia i requisiti necessari per riprendere da dove è stato interrotto, convenendo su fatto che i playoff siano la soluzione più logica e razionale. E in questo caso occorre programmare un piano di lavoro, e quando la situazione istituzionale sarà più limpida, si organizzeranno meglio i vari step lavorativi.

Intano lo stesso Presidente ha dichiarato ieri ai microfoni di Telebari che l’allenatore Vincenzo Vivarini, comunque vada a finire, rimarrà ancora saldo alla panchina biancorossa in quanto persona piena che gode di molta stima e fiducia, piena di umanità e, soprattutto, ambiziosa.

Dunque, la prima cosa da fare è quella di attendere le disposizioni istituzionali e quelle della FIGC, quindi, occorrerà attendere la decisione finale che, verosimilmente, sarà quella della disputa dei playoff da giocarsi a metà luglio con un organico di squadre ancora da stabilire. In tal caso la società concederà alla squadra un breve e meritato periodo di riposo per poi farla ritornare in sede quattro settimane prima di tornare a giocare. Si ipotizza, in tal senso, che la decisione definitiva possa arrivare sin dalla prossima sempre che, facendo gli scongiuri, la situazione sanitaria dovesse prendere altri malaugurati scenari.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE