fbpx

Su Caporetto il Piave mormorava versi diversi

Arte, Cultura & Società

Centocinque anni fa, il 24 maggio del 1915, il Piave mormorava. Pochi sanno, però, che su Caporetto mormorava versi un po’ diversi. Abbiamo sempre cantato, sentito cantare: «Ma in una notte trista si parlò di un fosco evento/ e il Piave udiva l’ira e lo sgomento/ Ahi quanta gente ha vista venir giù, lasciare il tetto/ poiché il nemico irruppe a Caporetto!», ma i versi in origine recitavano ben diversamente: «Ma in una notte trista/ si parlò di tradimento/ e il Piave udiva l’ira e lo sgomento/ Ah, quanta gente ho vista venir giù, lasciare il tetto/ per l’onta consumata a Caporetto».  “Questi erano i versi della canzone che accompagnò le spoglie del Milite Ignoto fino a Roma, che si trovava stampata su un cartoncino posto nei comodini delle cabine delle grandi navi italiane in viaggio sulle rotte del mondo, che cantarono i reduci, gli scolari, la folla, tutti” (Leoncarlo Settimelli).  E poi che cosa è successo? Perché oggi nella nota canzone di E.A. Mario quei versi non esistono più? Semplicemente perché fu l’autore a cambiarli e li cambiò perché alle autorità militari fasciste, quei versi non erano graditi.

Trascrivo da un articolo di Settimelli: “La vicenda si sbrogliò nel 1929, quando «accertati i fatti storici, La leggenda del Piave è modificata nella seconda strofa»: lo annota lo stesso E.A. Mario nella propria rivista “Strenna azzurra”, riproducendo la comunicazione ricevuta dal ministro della Pubblica Istruzione: «Le varianti a La leggenda del Piave – scrive il ministro – rispondono pienamente allo scopo e la ringrazio. Dò [sic!] disposizione affinché vengano introdotte nel testo. Ella ha fatto cessione allo Stato dei suoi diritti d’autore per l’inclusione de La leggenda del Piave nel Canzoniere Nazionale e la esecuzione da parte delle scolaresche…». Ecco dunque cancellata la pagina nera di Caporetto. E da parte del suo stesso autore”.

Renato Pierri

P.S. Qui Mario del Monaco canta la canzone con i versi originali:

 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE